Contenuto sponsorizzato

E' Andrea Ravanelli l'imprenditore di Gardolo accusato di sfruttamento dei lavoratori in Svizzera

Questa mattina il suo nome è emerso sui principali quotidiani ticinesi. L'accusa è molto grave: avrebbe sottopagato gli operai italiani e rumeni facendoli dormire in 8-10 in un appartamento. Per laRegione si tratta "dell'ennesima squallida storia di caporalato"

I dipendenti per l'accusa avrebbero vissuto in 8-10 in un singolo appartamento di due stanze (foto fornite dall'Unia)
Di Luca Pianesi - 15 ottobre 2016 - 12:02

LUGANO. La definiscono una "squallida storia (l'ennesima) di sfruttamento dei lavoratori in stato di bisogno" e ancora "caporalato puro degno del peggior film sulle condizione operaie di fine Ottocento? No siamo nella civilissima Svizzera, anzi nel Ticino del 2016". A scriverlo, riportandolo anche in prima pagina, laRegione, uno dei giornali di riferimento della Svizzera italiana. La storia? Quella che vi abbiamo raccontato anche noi questa mattina. Il nome dell'imprenditore trentino nei confronti del quale "sfocerà - scrive il quotidiano - un decreto d'accusa"? Adesso è di dominio pubblico. A farlo lo stesso giornale ticinese: E' "Andrea Ravanelli, vero titolare della Muvartes Sa di Stabio che a più riprese ha ingaggiato e remunerato con meno di 10 franchi l'ora operai italiani e rumeni attivi nel settore gesso".

 

 

Noi, come già scritto questa mattina (SI LEGGA L'ARTICOLO COMPLETO), il nome lo sapevamo già e avevamo già contattato lo stesso Ravanelli ieri sera il quale ci aveva risposto che "lì in Svizzera si stanno accanendo contro noi italiani, siamo nel mirino e questa è una denuncia strumentale. Io poi non c'entro niente. La questione riguarda il padrone della locale azienda". La Muvartes appunto controllata del gruppo Ravanelli in Svizzera "il cui proprietario - ci scrivono in un comunicato stampa i rappresentanti della Unia (sindacato gemellato in Italia con la Cgil) - Andrea Maghetti che figurava come amministratore unico (dall'11 ottobre, infatti, è dimissionario) in realtà era un prestanome perché dietro la Muvartes si cela Andrea Ravanelli della famiglia proprietaria del Gruppo Ravanelli, ubicato a Gardolo, provincia di Trento".

 

"Il Gruppo non c'entra - ci spiega Matteo Poretti della Unia - so che nell'azienda ci sono altri Ravanelli ma loro non sono coinvolti. Qui l'accusa è solo per Andrea. E la cosa che più ci ha stupito è stato vedere che tra i dipendenti sfruttati come manodopera a basso costo ci fossero anche degli italiani e in particolare  anche dei trentini due dei quali sono tra i 5 che hanno denunciato la cosa al Ministero pubblico".  

 

Secondo l'accusa Ravanelli avrebbe sfruttato i lavoratori in stato di bisogno, "una cinquantina - scrive laRegione - anche se solo 5 di essi hanno però avuto il coraggio di denunciare tutto presso il Ministero pubblico portando alla luce un malandazzo che rischia di essere la punta dell'iceberg. L'inchiesta è chiusa e si è ora in attesa del decreto d'accusa per i reati di usura e truffa ai danni delle assicurazioni sociali". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 21:42

Fuori dalla discussione sembra esserci la "Strada dei fiori". Abbozzata nel 2016 dalla Giunta precedente in collaborazione con l'Associazione floricoltori trentini per valorizzare i prodotti dei floricoltori trentini sembra essersi un po' arenata. La strada del vino sulla Trento turistica: "I fatti possono aiutare a cambiare status. Si deve discutere per rientrare tra i Comuni che possono aprire"

07 luglio - 08:06

Ieri pomeriggio era uscito di casa per andare a funghi. Non vedendolo più tornare i famigliari hanno dato l'allarme, il ritrovamento del corpo senza vita in tarda serata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato