Contenuto sponsorizzato

E' Andrea Ravanelli l'imprenditore di Gardolo accusato di sfruttamento dei lavoratori in Svizzera

Questa mattina il suo nome è emerso sui principali quotidiani ticinesi. L'accusa è molto grave: avrebbe sottopagato gli operai italiani e rumeni facendoli dormire in 8-10 in un appartamento. Per laRegione si tratta "dell'ennesima squallida storia di caporalato"

I dipendenti per l'accusa avrebbero vissuto in 8-10 in un singolo appartamento di due stanze (foto fornite dall'Unia)
Di Luca Pianesi - 15 ottobre 2016 - 12:02

LUGANO. La definiscono una "squallida storia (l'ennesima) di sfruttamento dei lavoratori in stato di bisogno" e ancora "caporalato puro degno del peggior film sulle condizione operaie di fine Ottocento? No siamo nella civilissima Svizzera, anzi nel Ticino del 2016". A scriverlo, riportandolo anche in prima pagina, laRegione, uno dei giornali di riferimento della Svizzera italiana. La storia? Quella che vi abbiamo raccontato anche noi questa mattina. Il nome dell'imprenditore trentino nei confronti del quale "sfocerà - scrive il quotidiano - un decreto d'accusa"? Adesso è di dominio pubblico. A farlo lo stesso giornale ticinese: E' "Andrea Ravanelli, vero titolare della Muvartes Sa di Stabio che a più riprese ha ingaggiato e remunerato con meno di 10 franchi l'ora operai italiani e rumeni attivi nel settore gesso".

 

 

Noi, come già scritto questa mattina (SI LEGGA L'ARTICOLO COMPLETO), il nome lo sapevamo già e avevamo già contattato lo stesso Ravanelli ieri sera il quale ci aveva risposto che "lì in Svizzera si stanno accanendo contro noi italiani, siamo nel mirino e questa è una denuncia strumentale. Io poi non c'entro niente. La questione riguarda il padrone della locale azienda". La Muvartes appunto controllata del gruppo Ravanelli in Svizzera "il cui proprietario - ci scrivono in un comunicato stampa i rappresentanti della Unia (sindacato gemellato in Italia con la Cgil) - Andrea Maghetti che figurava come amministratore unico (dall'11 ottobre, infatti, è dimissionario) in realtà era un prestanome perché dietro la Muvartes si cela Andrea Ravanelli della famiglia proprietaria del Gruppo Ravanelli, ubicato a Gardolo, provincia di Trento".

 

"Il Gruppo non c'entra - ci spiega Matteo Poretti della Unia - so che nell'azienda ci sono altri Ravanelli ma loro non sono coinvolti. Qui l'accusa è solo per Andrea. E la cosa che più ci ha stupito è stato vedere che tra i dipendenti sfruttati come manodopera a basso costo ci fossero anche degli italiani e in particolare  anche dei trentini due dei quali sono tra i 5 che hanno denunciato la cosa al Ministero pubblico".  

 

Secondo l'accusa Ravanelli avrebbe sfruttato i lavoratori in stato di bisogno, "una cinquantina - scrive laRegione - anche se solo 5 di essi hanno però avuto il coraggio di denunciare tutto presso il Ministero pubblico portando alla luce un malandazzo che rischia di essere la punta dell'iceberg. L'inchiesta è chiusa e si è ora in attesa del decreto d'accusa per i reati di usura e truffa ai danni delle assicurazioni sociali". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato