Contenuto sponsorizzato

E' morto padre Romano Scalfi, originario di Tione, fondatore di "Russia Cristiana"

Ha speso la propria vita dedicata ai cristiani di Russia e delle Chiese dell'Est. Domani a Seriate (BG) sarà dato al sacerdote trentino l’ultimo saluto alle ore 15.00 nella chiesa del Redentore

Pubblicato il - 27 dicembre 2016 - 12:41

TIONE. E' morto il giorno di Natale all'età di 93 anni, padre Romano Scalfi, il prete diocesano nativo di Tione che ha speso la propria vita dedicata ai cristiani di Russia e delle Chiese dell'Est.

 

Ordinato a Trento il 27 giugno 1948, padre Scalfi studiò a Roma al Pontificio Istituto Orientale dal 1951 al 1956, ottenendo nel frattempo anche una laurea in sociologia alla Gregoriana. Nel 1957 fondò a Milano il "Centro Studi Russia Cristiana", cui avrebbe associato l'omonima rivista (ora "La Nuova Europa") pubblicata anche in lingua russa.

 

Negli anni della "Cortina di ferro" padre Romano portò avanti un'inimitabile opera di evangelizzazione, soprattutto (ma non solo) in Russia, animata da forte impronta ecumenica. Nel 2007 fu nominato dall'arcivescovo Bressan canonico onorario della cattedrale, nel 2014 gli venne conferito a Bassano il Premio internazionale della Cultura Cattolica.

 

Oggi la sede di "Russia Cristiana" è a Seriate (BG), dove domani sarà dato al sacerdote trentino l’ultimo saluto alle ore 15.00 nella chiesa del Redentore. Presiederà la liturgia funebre il vescovo di Bergamo monsignor Francesco Beschi.

 

Sarà monsignor Luigi Bressan, arcivescovo emerito, a rappresentare a Seriate (BG) la Diocesi di Trento ai funerali . Con Bressan anche l’attuale parroco di Tione don Ferdinando Murari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 gennaio - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato