Contenuto sponsorizzato

Edilizia sanitaria, 10,9 milioni di euro per rimettere a nuovo gli ospedali della provincia

Interventi su tutti i presidi sanitari, da Ala a Borgo, da Arco a Cles. La metà dei finanziamenti al Santa Chiara

Pubblicato il - 31 dicembre 2016 - 12:33

TRENTO. Riconfigurazione del pronto soccorso di Cles, adeguamento degli spazi per la procreazione medicalmente assistita di Arco, riorganizzazione del presidio di Ala, messa a norma antincendio e realizzazione della seconda sala operatoria per emergenze ostetriche al Santa Chiara di Trento. Sono questi i nuovi interventi previsti nell'aggiornamento al Piano per l'edilizia sanitaria.

 

Il costo? 10,9 milioni di euro. “Con questo aggiornamento, oltre a dare continuità a interventi che erano già nel Piano e che trovano copertura anche nelle annualità successive, vengono inseriti progetti che puntano a rafforzare alcune competenze degli ospedali di riferimento degli ambiti territoriali, come il centro di procreazione assistita di Arco o il potenziamento del primo soccorso a Cles, o ancora la realizzazione della Casa della Salute presso l'ex ospedale di Ala – spiega l'assessore alla Salute Luca Zeni – vi è infine il rafforzamento di ostetricia, passaggio indispensabile visto il ruolo di riferimento del Santa Chiara di Trento nella gestione clinica delle gravidanze a rischio”.

 

Questi, nel dettaglio, i nuovi interventi inseriti nel Piano.

Ospedale di Cles: Realizzazione nuova area osservazione breve e riconfigurazione del pronto soccorso per un importo complessivo di 537.080,47 euro. Il progetto prevede di realizzare al primo piano del presidio ospedaliero, soprastante l'attuale Pronto Soccorso, un'area per l'osservazione breve, con nove posti letto distribuiti in cinque stanze, un ambulatorio e i relativi locali di supporto, nonché un'area pediatrica con tre posti letto in due stanze, un ambulatorio pediatrico e i relativi locali di supporto. Verrà inoltre riconfigurata l'area dell'attuale pronto soccorso.

 

Ospedale di Arco: Adeguamento ai requisiti e ampliamento degli spazi della procreazione medicalmente assistita per un importo complessivo di 500.000 euro. L'intervento interessa due piani dell'ospedale per circa 1.150 metri quadrati ed è suddiviso in tre zone di intervento: la prima prevede la trasformazione di una parte del reparto di ostetricia e ginecologia in ambulatori e studi medici, la seconda l'ampliamento del laboratorio di PMA, la terza l'adeguamento del locale per lo stoccaggio dell'azoto.

 

Casa della Salute di Ala: Lavori di riorganizzazione funzionale del presidio per un importo complessivo di 2.900.000 euro. L'intervento prevede di creare ad Ala, nell'immobile un tempo destinato ad ospedale, una struttura territoriale nella quale realizzare forme di integrazione professionale, organizzative ed operativa fra funzioni sanitarie e socio-assistenziali, che sia anche di riferimento per i medici di medicina generale. Si prevede inoltre un modulo di 20 posti letto per persone non autosufficienti gestito dall'Apsp di Avio, nonché il mantenimento del Servizio di medicina fisica e riabilitazione, del Poliambulatorio specialistico e del Centro terapeutico della psichiatria.

 

Ospedale Santa Chiara: Lavori di adeguamento dell'impianto antincendio alla normativa di prevenzione per un importo complessivo di 5.000.000 euro. Potenziamento delle sale operatorie, creazione di una nuova area per terapie intensive post-operatorie (TIPO) e realizzazione seconda sala operatoria per emergenze ostetriche per complessivi 2.000.000 euro. L'ospedale Santa Chiara ha visto un crescente carico di attività critiche: la necessità di incrementare l'attività operatorio ordinaria, la criticità dei pazienti trattati e il numero di parti del Santa Chiara rende indispensabile un potenziamento del numero di posti letto di terapia intensiva post operatoria con cinque posti in più e la realizzazione di una seconda sala operatoria per emergenze ostetriche al terzo piano, nonché l'adeguamento di quella esistente.

 

Ospedale di Borgo Valsugana: Con la stessa deliberazione, la Giunta provinciale ha anche approvato la riprogrammazione finanziaria dell’intervento di ristrutturazione e ampliamento dell’Ospedale di Borgo, dando atto che rimane confermato in 19.000.000 euro il costo totale pianificato dell'opera.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 15:43

Dopo la presa di posizione del Patt provinciale la coalizione che sostiene Malfer perde pezzi: “La storia personale e sensibilità politica di una buona parte delle persone del gruppo non acconsente al tentativo di trovare un accordo programmatico con tutto il Centrodestra”. La firmataria dell’apparentamento Bazzanella: “A volte le scelte non sono semplici”

26 settembre - 11:18

Un'occasione anche presentare un nuovo prodotto: una linea di borse di nome Solight, realizzata in collaborazione con lo Studio Bold Design. La musica del Quartetto Ferraglia accompagna l'evento in via San Marco. L'illustrazione per la ricorrenza creata da Anna Formilan: "L’immagine vuole trasmettere la cura, l’attenzione e la professionalità con cui la Cooperativa ‘cuce’ i propri servizi e prodotti su corsisti, soci, clienti e affezionati”

25 settembre - 17:06

Gli sciatori nella prossima stagione invernale troveranno ben 9 impianti di risalita completamente rinnovati, nonché numerose piste rimodellate. Un quarto dei soldi investiti sarà indirizzato al miglioramento degli impianti di innevamento artificiale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato