Contenuto sponsorizzato

Fermato per un controllo aggredisce due agenti e si dà alla fuga. Bloccato in piazza Dante e arrestato

Ieri sera durante alcuni controlli all'interno dei giardini di piazza Dante, due agenti sono stati aggrediti da un giovane. Per loro una prognosi di 10 giorni. Convalidato l'arresto, il processo per direttissima è stato spostato il 7 giugno

Foto: ilDolomiti
Pubblicato il - 31 maggio 2017 - 13:06

TRENTO. Due agenti della polizia sono stati presi a calci e pugni, per entrambi una prognosi di 10 giorni. A sferrare i colpi un giovane nordafricano senza fissa dimora, in Italia dal 2013, che ieri è stato fermato per un controllo di routine in piazza Dante.  

 

Il fatto è avvenuto attorno alle 20. Una pattuglia Reparto prevenzione crimine ha fermato il giovane, che apparentemente sembrava tranquillo, per un semplice controllo. Ma di lì a poco il ragazzo si sarebbe dato alla fuga, sfuggendo al controllo degli agenti. Subito rincorso da un agente, sarebbe stato riacciuffato nei dintorni e nuovamente fermato. 

 

Non potendo più scappare, il giovane avrebbe sferrato calci e pugni ad uno dei poliziotti, fatto che ha allertato anche le altre pattuglie presenti in zona che si sono portate in piazza Dante in supporto dei colleghi. Trasportato in Questura in stato di arresto, anche lì avrebbe aggredito il personale di polizia ferendo un altro agente. Questa mattina, invece, dalle inferriate della cella di sicurezza in cui era rinchiuso, avrebbe sputato in faccia al personale tentando ancora di ferire i poliziotti. 


Accusato di lesioni personali, resistenza e violenza a Pubblico ufficiale, il ragazzo è stato portato davanti ai giudici per la convalida dell'arresto e per il processo per direttissima. Accompagnato in manette attraverso i corridoi del palazzo di Giustizia da un numero imponente di poliziotti, davanti al giudice Borrelli non ha però aperto bocca,chiedendo soltanto un bicchiere d'acqua. 

 

Il giudice ha cercato più volte di comunicare con lui, anche perché all'interprete aveva detto di voler parlare soltanto con il magistrato, cosa che però non è avvenuta. Il ragazzo è rimasto accovacciato per tutto il tempo dell'udienza, sguardo fisso a terra e soltanto le gambe si muovevano nervosamente. 


Foto: ilDolomiti
Foto: ilDolomiti

Convalidato l'arresto, che sia per l'accusa che per la difesa è stato eseguito secondo le norme di legge, il processo per direttissima è stato spostato al 7 giugno per dare tempo al difensore di approfondire l'accaduto e al Pubblico ministero di formulare compiutamente le imputazioni. 

 

Sulla misura cautelare in attesa dell'udienza, l'accusa ha chiesto la detenzione in carcere, anche in considerazione di una recidiva specifica, cioè di un reato simile a questo compiuto nei 5 anni precedenti. La difesa si è rimessa al Giudice per la decisione, che in mancanza di un domicilio, di parenti residenti in città o altre strutture pronte ad accoglierlo agli arresti domiciliari, ha condiviso la richiesta dell'accusa disponendo la traduzione in carcere.  

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 March - 17:18

In Trentino i 12 punti vaccinazione tengono aperti poche ore al giorno. Vista la grande circolazione del virus la cosa appare incomprensibile, ma l'Azienda sanitaria spiega: "Dipendesse da noi staremo aperti 24 ore su 24. Se arrivano più dosi il sistema è flessibile e ci riorganizziamo in tempi brevissimi"

03 March - 08:06

L'esponente leghista ha preso il posto di Andrea Merler che si è dimesso a metà febbraio. Ad indicare il nome di Bridi è stato il collega Giuseppe Filippin ma il centrodestra nella votazione si è diviso 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato