Contenuto sponsorizzato

Gravissimo infortunio sul lavoro, muore Stefano Colleoni, un ragazzo di 22 anni

E' successo in tarda serata nel comune di Castelnuovo in Valsugana, schiacciato da un blocco di pannelli di tre tonnellate

Pubblicato il - 25 novembre 2016 - 10:15

CASTELNUOVO. Un infortunio sul lavoro, avvenuto nella tarda serata di ieri nel comune di Castelnuovo, ha ridotto in gravissimi condizioni un ragazzo di 22 anni che è deceduto questa mattina in conseguenza alle gravi ferite riportate.

 

L'incidente si verificato presso la ditta Xlam Doloimiti srl e il ragazzo che ha perso la vita si chiamava Stefano Colleoni, residente a Roncegno.

 

Stava spostando i pesanti pannelli per costruzione in legno dalla postazione della gru a carro-ponte quando, verso le 23.30, un blocco di questi pannelli del peso di tre tonnellate ha urtato pareti e pavimento investendo anche il giovane operaio spingendolo e schiacciandolo contro i nastri trasportatori.

 

Sul posto sia i carabinieri di Borgo Valsugana che i Vigili del fuco della zona in supporto all'elisoccorso del 118 che è intervenuto per agevolare il trasporto del ferito all'ospedale Santa Chiara di Trento.

 

Nell''azienda della Valsugana in cui ha perso la vita Stefano Colleoni lavorano circa 40 persone suddivisi in tre turni.

 

A chiedere che venga fatta luce sulla tremenda tragedia è la Cgil.  "Non è anomalo  - ha spiegato Maurizio Zabbeni, segretario generale della  Cgil - Fillea del Trentino - che il ragazzo stesse lavorando in quell'orario perché nell'azienda ci sono tre turni. Detto questo noi chiediamo immediatamente chiarezza su quello che è accaduto" .

 

 

Il pesante carico di pannelli di legno che ha schiacciato il giovane operaio
Il pesante carico di pannelli di legno che ha schiacciato il giovane operaio
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 11:41

Nella mattinata di giovedì 26 novembre si è tenuto un incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i sindaci dei due Comuni dell'Altopiano di Pinè (entrambi "zona rossa") Francesco Fantini e Alessandro Santuari. Il primo cittadino di Bedollo: "Abbiamo ottenuto conferma che se entro lunedì la situazione si stabilizza al di sotto del 3% dei positivi, l'ordinanza di zona rossa non verrà rinnovata"

25 novembre - 21:06

E' enorme la preoccupazione nel bellunese per l'eventuale chiusura degli impianti per Natale e Capodanno imposta dal governo. C'è il difficile momento attuale ma anche la prospettiva, due esperti di livello internazionale entrano nel team del bellunese per promuovere il turismo territoriale: Tom Buncle e il trentino Roberto Locatelli

26 novembre - 13:06

Le Regioni dell'arco alpino sono in pressing per salvare Natale e Capodanno, periodo pesante per i fatturati e vero momento clou di ogni stagione. Il fronte con il governo è aperto, il via libera agli impianti è un nodo dirimente, ma comunque solo il primo ostacolo. Il danno viene quantificato dai territori in 20 miliardi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato