Contenuto sponsorizzato

Guidava un autocarro di 44 tonnellate con la patente contraffatta . Denunciato e multato

Sul documento era indicata la categoria C-E ma l’occhio esperto degli agenti ha notato una modestissima imperfezione. In realtà la sua patente non era abilitata per quel tipo di veicolo

Pubblicato il - 02 ottobre 2017 - 18:11

TRENTO. Un cittadino italiano residente in Lombardia, alla guida di un autoarticolato dal peso complessivo di 44 tonnellate, è stato sorpreso dalla Polizia stradale mentre circolava con la patente di guida contraffatta.

 

Il conducente, durante il controllo, ha esibito la propria patente che abilita la conduzione di autocarri del peso complessivo superiore a 3,5 tonnellate. Sulla sua patente, infatti, era indicata la categoria C-E valida per la conduzione di veicoli complessi, ovvero autocarri superiore a 3,5 t. trainanti un rimorchio non leggero.

 

Ma l’occhio esperto degli agenti ha notato una modestissima imperfezione di stampa di un carattere. Grazie all’analisi documentale si è potuto accertare che la patente di guida era stata alterata facendo risultare l’idoneità alla conduzione di veicoli per la categoria C-E, sebbene il conducente fosse titolare delle abilitazioni per le categorie A,B, e C.

 

Il conducente, oltre a una denuncia penale per falsità materiale commessa dal privato in certificazioni, è stato sanzionato ai fini del Codice della Strada per guida senza patente della categoria richiesta per la conduzione di autoarticolati con una sanzione amministrativa da 5.000 a 30.000 euro e il fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi.

 

Il documento di guida alterato è stato sequestrato e trasmesso all’Autorità Giudiziaria di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato