Contenuto sponsorizzato

Incendio di Tremosine, riparte l'incendio. Un petardo causa delle fiamme

Un petardo all'origine dell'incendio che ha devastato ettari di bosco. Le fiamme sono divampate intorno a mezzanotte: circa settanta vigili del fuoco all'opera fino alle 17 di ieri per riportare la zona in sicurezza. In queste ore però l'evento è ripartito

Pubblicato il - 02 gennaio 2017 - 16:46

SALO'. Non sono bastate intense ore di lavoro nella notte di San Silvestro fino alle 17 di ieri e l'intervento dei Canadair per dichiarare completamente concluso l'intervento

 

L'incendio che ha devastato un'ampia area boschiva sopra Tremosine è purtroppo ripartito. Nel tardo pomeriggio di ieri una settantina di uomini, divisi in quattro squadre dei vigili del fuoco supportati dai volontari, compreso dodici pompieri di Riva del Garda, e il corpo anti incendio boschivo erano riusciti a mettere in sicurezza la zona, salvaguardando inoltre gli appartamenti e gli hotel vicini al rogo. 

 

All'origine dell'incendio, divampato intorno alla mezzanotte del 31 dicembre, ci sarebbe l'esplosione di un fuoco d'artificio: l'episodio sarebbe stato ripreso anche da una webcam. Il rogo ha interessato circa venti ettari di bosco e in queste ore sul posto vigilavano ancora i pompieri di Salò, che avevano lasciato due vasche, per bonificare i boschi e per controllare la presenza di eventuali focolai non perfettamente spenti.

Le immagini dell'incendio di Tremosine e dei vigili del fuoco in azione

 

La vicenda del petardo all'origine dell'incendio è ora al vaglio dei carabinieri di Limone.

 

I vigili del fuoco di Riva del Garda sono intervenuti ieri intorno alle 3.30 per sedare le fiamme in località Bazzanega, dove le fiamme si erano spinte fino a circa 20 metri da alcune ville.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato