Contenuto sponsorizzato

Internet, aumentano i reati informatici in Trentino. In 5 anni a +96%

La media nazionale è di una denuncia ogni 393 residenti. Il Trentino registra un andamento in linea, mentre a Bolzano il numero di reati informatici è inferiore 

Pubblicato il - 27 settembre 2017 - 19:17

TRENTO. E' il Trentino Alto Adige una delle regioni italiane con la minore densità di reati informatici, una denuncia all’autorità giudiziaria ogni 416 abitanti. Considerando le due provincie, i dati riferibili a Trento sono però ben superiori rispetto a Bolzano.

 

Questo è quanto emerge da un’analisi di DAS, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale, che con 'Difesa Web' assiste in giudizio i cittadini vittime di frodi informatiche e fornisce strumenti di monitoraggio per prevenire furti d’identità e altre truffe online.

 

Negli ultimi anni il numero di reati informatici sono aumentati. Dal 2010 al 2015 l'incremento è stato del 90%.

 

“La nostra ricerca – spiega Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di DAS – evidenzia un fenomeno preoccupante. Nel periodo che abbiamo analizzato le denunce delle forze di polizia all’autorità giudiziaria per reati informatici sono cresciute in Italia di oltre il 51%, con un’incidenza di un reato ogni 393 abitanti. I danni economici per chi subisce questo tipo di reato possono essere rilevanti e a volte difendersi in giudizio può essere complicato e richiedere tempi lunghi”.

 

Secondo l’analisi di DAS, la provincia di Trento registra una densità di reati informatici in linea con la media nazionale (1 denuncia ogni 393 residenti), mentre a Bolzano la frequenza di questi crimini è inferiore (1/443 abitanti). Tra 2010 e 2015 questi episodi sono aumentati di più a Trento (+96%) che a Bolzano (+84%), collocando il Trentino Alto Adige al quinto posto tra le regioni con il maggiore incremento di questa tipologia di reati.

 

A livello nazionale, dopo la Liguria, le regioni con la più alta densità di crimini informatici sono Molise e Valle d’Aosta. Troviamo poi un numero elevato di reati anche in Campania, Piemonte e Friuli Venezia Giulia. Puglia, Sicilia e Basilicata sono invece le regioni con la più bassa frequenza di reati informatici.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 gennaio - 19:19
Tutti i dati comune per comune riferiti alla pandemia. Oggi si registrano 1.675 nuovi contagi a fronte di 2.202 guariti quindi calano le persone [...]
Cronaca
23 gennaio - 18:37
Secondo il titolare di una ditta trentina che opera nel settore dei trasporti scolastici molti autisti non sono in regola con il Green pass: “Si [...]
Cronaca
23 gennaio - 16:36
Il bollettino dell'Azienda sanitaria mostra un deciso peggioramento delle classi in isolamento a scuola che si traduce in migliaia di studenti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato