Contenuto sponsorizzato

Ius soli, Cgil del Trentino "Scegliere di non votare o perdere ancora tempo fa arretrare l'Italia sul riconoscimento dei diritti civili”

Un milione di ragazzi e ragazze nate nel nostro Paese da genitori stranieri attendono il riconoscimento della cittadinanza italiana

Pubblicato il - 20 June 2017 - 17:42

TRENTO. “L'approvazione della legge di riforma della cittadinanza è un atto di civiltà che non può essere ulteriormente rimandato”. Anche la Cgil del Trentino prende posizione sulla riforma della cittadinanza chiedendo in tempi rapidi l'approvazione della legge. L'auspicio, da parte del sindacato di via Muredei, è che il Senato proceda in tempi rapidi al voto sullo Ius soli.

 

“La proposta di legge è ferma da due anni – spiega il sindacato - mentre un milione di ragazzi e ragazze nate nel nostro Paese da genitori stranieri attendono il riconoscimento della cittadinanza italiana. Non è accettabile che si perda altro tempo, solo per compiacere l'elettorato di riferimento di alcune forze politiche, alimentando populismi e paure che non hanno ragione di esistere o soffiando sul fuoco del razzismo”.

 

Per la Cgil l'approvazione della legge, pur non essendo uno strumento perfetto, rappresenterebbe un posso importante in avanti per l'intero Paese.

 

“L'Italia è uno dei Paesi europei con la legislazione più rigida per il riconoscimento della cittadinanza. Non è pensabile – continua la Cgil - che si possa fare reale integrazione fino a quando giovani nati in Italia, che frequentano le nostre scuole, le cui famiglie lavorano nelle nostre aziende, che pagano le tasse nel nostro Paese e rispettano le nostre leggi non siano ritenuti italiani al pari dei loro coetanei”.

 

Scegliere di non votare o perdere ancora tempo, conclude la Cgil “fa arretrare l'Italia sul terreno del riconoscimento dei diritti civili”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 March - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 March - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 March - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato