Contenuto sponsorizzato

La parete "mangia" le pale dell'elicottero. L'Agusta si salva per un soffio, ma sono i mezzi adatti alle montagne?

Ecco come è rientrato a Mattarello il mezzo dei soccorsi che questa mattina ha rischiato davvero grosso mentre stava soccorrendo un giovane a Pietramurata. E si riapre il dibattito sui mezzi: in molti pensano che gli Agusta non siano adatti al nostro territorio

La pala danneggiata dopo l'incidente
Di Luca Pianesi - 07 ottobre 2017 - 17:08

TRENTO. E' andata davvero bene. La pala dell'AgustaWestland 139 è stata letteralmente mangiata dalla parete di Pietramurata sulla quale si trovava in grosse difficoltà un giovane scalatore trentino ma grazie alle capacità dei piloti il mezzo è riuscito a rientrare a Mattarello. L'intervento, poi, si è risolto per il meglio grazie anche all'intervento di un secondo elicottero e il giovane è stato portato all'Ospedale Santa Chiara dopo che aveva perso l'appiglio ed era precipitato per svariati metri riportando traumi alla spina dorsale.

 

Il primo elicottero intervenuto, però, non è riuscito a portare a termine la sua missione perché una volta avvicinatosi alla parete ha finito per toccarla (la provincia ha scritto nel suo comunicato che "si è leggermente scheggiato", dalle immagini pare qualcosa di più) rischiando davvero grosso. Un incidente che, fortunatamente, non ha provocato danni ulteriori, visto che il mezzo è riuscito a rientrare alla base "con le sue gambe", ma che riapre un dibattito mai sopito nel mondo degli esperti del settore e degli elicotteristi: gli AgustaWestland 139 sono adatti ad un ambiente montano? Per molti la risposta sarebbe "no". 

 

L'Agusta, infatti, è molto grosso (rispetto, per esempio a un Dauphin) adatto a superfici piane (non ha i pattini ma le ruote) e infatti è molto usato nelle zone di mare. Necessita (anche per il grande spostamento d'aria che provoca) quasi sempre dell'ausilio del verricello e i due incidenti in pochi mesi (il 5 marzo era caduto un mezzo sul Nambino) potrebbero non essere dovuti solo al caso o ad imperizia. Sono, comunque, "scuole di pensiero", fazioni che si dividono tra favorevoli e contrari, che la pensano in un modo o nell'altro. 

 

Quel che è importante è che anche in questo caso tutti i membri dell'equipaggio ne sono usciti indenni e sono potuti rientrare a Mattarello. Il protocollo di sicurezza, infatti, prevede in questi casi l'immediato rimessaggio del mezzo. E sono, quindi, già state attivate le procedure per sostituire le parti rovinate.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato