Contenuto sponsorizzato

Le Funne vogliono incontrare Gianni Morandi. Parte l'hashtag #unGianniperleFunne

In occasione dell'uscita del documentario di Katia Bernardi nelle sale cinematografiche, il 18 gennaio in programma al Cinema Astra, le Funne chiedono aiuto per realizzare il loro sogno

Di gf - 04 January 2017 - 14:41

TRENTO. Dopo essere riuscite ad andare al mare per la prima volta, a sbarcare nel mondo del cinema ora le ormai famose Funne di Trento si apprestano ad uscire nelle sale cinematografiche con un vero e proprio tour che attraverserà tutta l'Italia.

Il documentario di Katia Bernardi inizierà questo viaggio da Trento, e il 18 gennaio è in programma la prima visione al Cinema Astra.

 

Le funne, però, hanno una richiesta molto particolare. Proprio in occasione dell'uscita nelle sale cinematografiche, vorrebbero invitare una persona che amano tanto: Gianni Morandi.

 

Ovviamente anche in questo caso non si fermano davanti a nulla. Ecco allora che attraverso i social hanno lanciato l'hashtag "#unGianniperleFunne!" chiedendo a tutti di aiutarle a realizzare questo altro sogno, contattando Gianni sulla sua pagina Facebook (Gianni Morandi).

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 20:37

Le difficoltà in ambito scolastico sono molte a causa dell'emergenza Covid-19. A fronte delle enormi incertezze e il ricorso alla didattica a distanza, che non sempre incontra il gradimento di famiglie e studenti, molti studenti hanno comunque deciso di investire sul proprio futuro per un'esperienza formativa all'estero

20 January - 15:57

Per tentare di eludere il controllo dei carabinieri un uomo e una donna, che trasportavano 10 panetti di cocaina, hanno presentato una falsa autocertificazione. Una volta scoperti entrambi sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio e false dichiarazioni a pubblico ufficiale ma sono stati pure sanzionati per non aver rispettato le misure anti-Covid

19 January - 13:58

Attraverso una serie di aziende cartiere creavano falsi crediti tributari che i clienti potevano comprare per diminuire i propri debiti verso l'erario. I soldi ottenuti venivano poi ripuliti all'estero tramite banche straniere

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato