Contenuto sponsorizzato

Minorenne evade due volte dai domiciliari. Scoperto perché non aveva pagato il biglietto del treno

Ci aveva provato il primo gennaio ma era scappato a gambe levato dal controllo della Polfer. Oggi è stato fermato e denunciato per duplice evasione, e rimesso ai domiciliari

Pubblicato il - 05 January 2017 - 18:52

TRENTO. La prima volta l'ha scampata liscia il minorenne marocchino che è fuggito a gambe levate quando il primo di gennaio ha visto arrivare la Polfer. Gli agenti erano stati chiamati dal capotreno perché il ragazzino non aveva fatto il biglietto e non voleva pagare la tratta e la multa.

 

Ma oggi, individuato un'altra volta dalla polizia ferroviaria, è stato fermato e non ha avuto scampo. E si è scoperto del perché volesse fuggire via dalle Forze dell'ordine: è ai domiciliari, assegnato al controllo della famiglia a casa di mamma e papà. Un controllo alquanto debole se per due volte se ne andava in giro per la città.

 

 E’ scattata quindi la denuncia per duplice evasione ed il ripristino della misura restrittiva presso il domicilio dei genitori che, se non vorranno far rischiare al figlio altre future conseguenze, dovranno chiudere la porta con la chiave

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 January - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 January - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato