Contenuto sponsorizzato

Non consegna la carta di credito e la usa, denunciato corriere pakistano

L'uomo ricevuti i plichi bancari, doveva recapitarli ai destinatari ma un "pacco" non è arrivato alla signora che lo aveva richiesto. Lei si è accorta dell'addebito di spese (ristoranti, pedaggi, articoli sportivi) e ha segnalato la cosa ai carabinieri di Levico che hanno intercettato l'uomo

Pubblicato il - 20 ottobre 2016 - 12:23

LEVICO TERME. Si era appropriato della carta di credito di una signora ma i carabinieri l'hanno intercettato e bloccato. Il protagonista del reato un pakistano, professione corriere. Nello specifico i carabinieri della stazione di Levico Terme hanno denunciato in stato di libertà P.N.A., 31enne pakistano, per furto di carta di credito. Le indagini sono scaturite da una signora che, recatasi presso i militari del comando, ha spiegato che c'era stato un addebito di spese effettuate tramite una carta di credito da lei richiesta al proprio istituto di credito, ma mai ricevuta.

 

Le conseguenti indagini, hanno rapidamente indirizzato i sospetti sul corriere che, ricevuti i plichi bancari, doveva recapitarli ai destinatari. Ma una consegna è “sfumata” e il contenuto, una carta di credito, è stata subito utilizzata per pagamenti di ogni tipo, come pedaggi autostradali, ristoranti, articoli sportivi e, con una certa regolarità, presso un supermercato della Valsugana. I servizi di appostamento eseguiti, hanno promosso gli sforzi dei carabinieri che hanno intercettato il pakistano, mentre eseguiva il pagamento di una cospicua spesa di beni di ogni genere. Condotto in caserma, è stato deferito all'autorità giudiziaria trentina, mentre la carta di credito, veniva restituita alla banca, per i provvedimenti di competenza.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato