Contenuto sponsorizzato

Rubano un'auto ma fanno un incidente. Arrestati due turisti a Fai della Paganella

I due hanno abbandonato la vettura scappano a piedi. L'allarme lanciato dalla stessa vittima che ha ricevuto un messaggio sul telefonino: "Stai bene? La tua macchina è distrutta a lato della strada verso Andalo". 

Pubblicato il - 05 febbraio 2017 - 14:37

FAI DELLA PAGANELLA. Arrestati, hanno passato la notte nella camera di sicurezza della stazione dei carabinieri di Cles. E ne passeranno un'altra in attesa del processo per direttissima di domani. L'accusa, quella di furto aggravato, gli imputati due ragazzi di 30 e 25 anni.

 

Hanno rubato una macchina a un ignaro avventore di un bar che aveva lasciato le chiavi nella giacca appesa all'attaccapanni di un locale di Fai della Paganella. Alla guida della Seat Altea volevano raggiungere Andalo per divertirsi, per correre sulla macchina rubata. Ma la corsa è finita contro il guard rail, forse per l'alta velocità o per le birre di troppo bevute al bar dove si è consumato il furto. Maccina inutilizzabile, anche se i due hanno provato a riportarla in carreggiata per non rimanere a piedi.

 

Ma invano, e a piedi hanno dovuto ritornare in paese dove sono però stati raggiunti dalla pattuglia dei militari che, dopo aver avuto la segnalazione dello "strano" incidente si sono messi alla ricerca dei colpevoli.

 

Segnalazione data dallo stessa vittima del furto a cui è arrivato un messaggio: "Stai bene? Ho visto la tua macchina distrutta a lato della strada". Un messaggio che all'inizio sembrava uno scherzo ma che poi ha permesso di scoprire il misfatto e mettere in moto le indagini.

 

Raccolta la testimonianza delle persone presenti al pub, verificati gli orari degli spostamenti dei turisti, pienamente corrispondenti ai tempi di attuazione della condotta delittuosa, e riscontrata nel nevischio caduto laddove la Seat aveva finito la sua corsa la presenza di un’impronta di scarpe assolutamente compatibile con quelle calzate da uno dei fermati, i militari hanno potuto ricondurre la responsabilità del fatto reato ai due e li hanno così tratti in arresto. 

 

Si tratta di due turisti sloveni che domattina, presso il Tribunale di Trento, saranno processati con rito “direttissimo”

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato