Contenuto sponsorizzato

Terremoto Centro Italia, i sindacati compatti: "Estendere la durata del fondo di solidarietà"

I sindacati chiedono l'estensione del fondo, lo strumento più adatto per sostenere le popolazioni colpite dal sisma. I sindacati: "Il Trentino ha dimostrato un forte senso di solidarietà e la nostra protezione civile ha dato un contributo fondamentale" 

Pubblicato il - 31 October 2016 - 11:39

TRENTO. E' trascorsa la prima notte dopo il sisma più forte dal 1980 con epicentro registrato fra Umbria, Marche e Lazio. Non si piangono morti, questa l'unica notizia positiva in un terremoto che ha colpito direttamente (Qui il racconto di una famiglia di Trento che si trova a Sostino sopra Foligno) e indirettamente anche il Trentino Alto Adige, visto che il sisma è stato avvertito perfino in Regione.

 

Mentre la terra continua a tremare per le scosse di assestamento e le popolazioni colpite tengono l'allerta alta, si stima che si potrebbe arrivare a 100.000 sfollati e nella distruzione inizia la conta anche dei danni al patrimonio culturale del Centro Italia, con il simbolo della Basilica di San Benedetto a Norcia andata in frantumi.

 

Le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil del Trentino si compattano davanti all'emergenza, esprimendo solidarietà e vicinanza alle popolazioni del Centro Italia nuovamente colpite dal terremoto.

 

"Davanti alla devastazione - dicono i tre segretari Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti - provocata dal sisma e alla situazione di estremo bisogno, anche per l’inverno ormai prossimo, è importante dare subito un aiuto concreto a chi ha perso tutto o quasi tutto e in queste ore fatica a pensare al proprio futuro. E' altrettanto importante pensare e attivarsi per la ricostruzione".

 

Per questa ragione i sindacati trentini propongono di estendere la durata del fondo di solidarietà attivato il 2 settembre scorso con la Provincia di Trento, gli enti locali e le parti sociali. Tutti i lavoratori possono donare l’equivalente di almeno un’ora del proprio lavoro, e i datori di lavoro, pubblici e privati, possono donare una somma pari a quella donata dai propri dipendenti.

 

“Dopo il sisma del 24 agosto - concludono i sindacati - il Trentino ha dimostrato un forte senso di solidarietà e la nostra protezione civile ha dato un contributo fondamentale per restituire un minimo di normalità dove non esiste quasi più nulla. Adesso, dopo l’ennesima e fortissima scossa di ieri che ha portato ulteriore distruzione è importante che ci sia un coinvolgimento di tutti per sostenere la ricostruzione. Il fondo di solidarietà è lo strumento più adatto. Fin da subito ci attiveremo per portare al comitato di coordinamento la nostra proposta e far arrivare, come in passato, il sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori trentini ai tanti italiani che da ieri non hanno più una casa”

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 12 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
13 agosto - 06:01
Ad oggi sono 83 le aziende agricole presenti in Trentino che hanno richiesto all'Agenzia del lavoro manodopera. Orari, distanza, mancanza di [...]
Cronaca
12 agosto - 20:36
Per il vice-presidente della Pat Mario Tonina per la fine dell'anno verrà presa una decisione sul termovalorizzatore: “L'anno scorso, quando si [...]
Cronaca
12 agosto - 19:36
Decade l'obbligo di mascherina sia per il personale scolastico che per gli studenti, fatta eccezione per i casi di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato