Contenuto sponsorizzato

Tribunale di Bolzano, pene confermate per i quattro jihadisti di Merano

Bolzano blindata, il tribunale ha confermato le pene di primo grado, che variano fra i sei e quattro anni. I quattro uomini sono detenuti nel carcere di massima sicurezza di Rossano Calabro

Pubblicato il - 13 febbraio 2017 - 18:08

BOLZANO. La Corte d'appello ha confermato le pene di primo grado per gli esponenti della cellula jiadista arrestata nei mesi scorsi a Merano. Gli imputati sono Abdul Rahman Nauroz, che abitava a Merano ed è ritenuto il presunto reclutatore dell'organizzazione, è stato condannato in primo grado a Trento a sei anni di reclusione, quindi Eldin Hodza (unico kosovaro del gruppo) e i curdi Abdula Salih Ali Alisa alias 'Mamosta Kawa', e Hasan Saman Jalal alias 'Bawki Sima', sono stati condannati rispettivamente a quattro anni di carcere.

 

I quattro Jihadisti, arrestati nell'autunno del 2015 durante una retata a Merano, erano stati condannati in primo grado a Trento a pene tra i quattro e i sei anni. Attualmente sono detenuti nel carcere di massima sicurezza di Rossano Calabro. Per tutta la giornata, durante uno dei primi processi contro i jihadisti in Italia, per garantire la sicurezza al Tribunale di Bolzano erano presenti gli artificieri con unità cinofile, tiratori scelti, ma anche una unità di pronto intervento specialmente addestrata dalle teste di cuoio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato