Contenuto sponsorizzato

Tribunale di Bolzano, pene confermate per i quattro jihadisti di Merano

Bolzano blindata, il tribunale ha confermato le pene di primo grado, che variano fra i sei e quattro anni. I quattro uomini sono detenuti nel carcere di massima sicurezza di Rossano Calabro

Pubblicato il - 13 February 2017 - 18:08

BOLZANO. La Corte d'appello ha confermato le pene di primo grado per gli esponenti della cellula jiadista arrestata nei mesi scorsi a Merano. Gli imputati sono Abdul Rahman Nauroz, che abitava a Merano ed è ritenuto il presunto reclutatore dell'organizzazione, è stato condannato in primo grado a Trento a sei anni di reclusione, quindi Eldin Hodza (unico kosovaro del gruppo) e i curdi Abdula Salih Ali Alisa alias 'Mamosta Kawa', e Hasan Saman Jalal alias 'Bawki Sima', sono stati condannati rispettivamente a quattro anni di carcere.

 

I quattro Jihadisti, arrestati nell'autunno del 2015 durante una retata a Merano, erano stati condannati in primo grado a Trento a pene tra i quattro e i sei anni. Attualmente sono detenuti nel carcere di massima sicurezza di Rossano Calabro. Per tutta la giornata, durante uno dei primi processi contro i jihadisti in Italia, per garantire la sicurezza al Tribunale di Bolzano erano presenti gli artificieri con unità cinofile, tiratori scelti, ma anche una unità di pronto intervento specialmente addestrata dalle teste di cuoio.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 giugno - 20:22
Trovati 4 positivi, nessun decesso per il quarto giorno consecutivo. Sono state registrate 13 guarigioni. Sono 195 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
16 giugno - 19:24
Il riferimento del primo cittadino va alle risposte date dall'allora assessore regionale competente, Noggler, a Claudio Cia e che, [...]
Cronaca
16 giugno - 16:53
La Pat oggi ha promosso un incontro con i sindaci per fare il punto sulla campagna e per condividere le strategie per aumentare la copertura troppo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato