Contenuto sponsorizzato

Vigili del fuoco ai curiosi: "Non intralciate il lavoro di chi interviene per soccorrere le persone negli incidenti"

Il messaggio su un post pubblicato nella pagina Facebook dei Vigili del fuoco di Mezzolombardo

Di gf - 01 marzo 2017 - 13:24

MEZZOLOMBARDO. “Chiediamo alle persone che, nel caso si trovino in prossimità di incidenti, abbiano il buon senso e la buona volontà di non intralciare il lavoro di chi interviene a soccorrere le persone”. E' un messaggio semplice e chiaro quello che i Vigili del fuoco volontari di Mezzolombardo hanno voluto lanciare attraverso la propria pagina facebook.

 

Un messaggio comparso dopo la tragedia avvenuta ieri a Taio che ha visto uno scontro frontale di due auto con un mezzo pesante e la morte di Cristina Campadelli e Adolfo Bertagnolli.

 

“Pochi minuti dopo l'incidente – viene spiegato nel post pubblicato nella pagina dei Vigili del fuoco di Mezzolombardo - quando ancora i soccorsi dovevano arrivare sul posto, in internet c'erano già video dell'incidente. Fare un video 'in diretta' ad una scena di un incidente appena avvenuto è un gesto veramente deplorevole e irrispettoso delle persone coinvolte, oltre a poter essere visto da parenti o amici che ancora non sono a conoscenza del fatto”.

 

L'invito per chi si trova sulla scena dell'incidente è quello di “evitare di avvicinarvi troppo ai mezzi coinvolti che possono risultare molto pericolosi sopratutto ora con l'avvento delle auto ibride” e si ribadisce che “un incidente non è una scena di un film, le persone coinvolte hanno diritto al rispetto e alla dignità e i parenti e amici hanno il diritto di venire a conoscenza dei fatti dalle persone preposte a questo”.

 

A rimarcare il concetto è anche il comandante dei Vigili del fuoco di Mezzolombardo, Giorgio Roncador. “Noi normalmente cerchiamo sempre di delimitare la zona – ci spiega – utilizzando dei nastri che però vengono tranquillamente oltrepassati. I curiosi ci sono sempre. Ovviamente dover destinare due o tre vigili, piuttosto che i carabinieri o gli infermieri, per tenere lontana la gente non facilita il nostro compito. Queste persone potrebbero essere usate per altro”.

 

Avvicinarsi ad un incidente può comportare anche diversi pericoli. “C'è il pericolo che qualche curioso per fare video o foto venga investito – conclude Roncador -. Noi quando interveniamo abbiamo occhiali, mascherina e abbigliamento adeguato. C'è sempre il rischio che qualche scheggia di lamiera salti”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato