Contenuto sponsorizzato

Francesco, di Taverna Clara, questa sera a ''Cuochi d'Italia'' rappresenta il Trentino Alto Adige

Il cuoco del ristorante che si trova sotto Folgaria lungo la statale 350 sfiderà il rappresentante di un'altra regione. L'appuntamento è per le 19.30 

Pubblicato il - 09 gennaio 2019 - 13:28

FOLGARIA. Sarà il cuoco di Taverna Clara a difendere i colori del Trentino Alto Adige in ''Cuochi d'Italia'' la trasmissione condotta dal mitico chef Alessandro Borghese che mette in sfida a colpi di piatti tipici, 20 cuochi del Bel Paese.

 

 

Ieri la sfida era tra Umbria e Friuli Venezia Giulia (ed ha passato il turno la concorrente di quest'ultima regione) mentre questa sera alle 19.30 toccherà a Francesco del ristorante che si trova in località Busatti poco sotto Folgaria proseguendo sulla statale 350 verso il Veneto e Lastebasse

 

Il cuoco trentino (che ha nei canederli al burro fuso, negli spätzli e nel formaggio fuso con polenta e funghi alcune dei suoi assi nella manica) sfiderà un ristoratore di un'altra regione e poi sarà sottoposto al giudizio diGennaro Esposito e Cristiano Tomei preparatissimi e simpaticissimi chef di fama internazionale.

 

La trasmissione era stata registrata qualche tempo fa ma questa sera verrà messa in onda su Tv8 a partire dalle 19.30. Tutti pronti a fare il tifo per il cuoco trentino e vinca il migliore.  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 17:53
Nelle ultime 24 ore sono state confermate anche 13 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 4 dimissioni e 78 guarigioni
25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

25 gennaio - 13:34

Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato