Contenuto sponsorizzato

Lopez e Solenghi, ritorno al futuro

Domani, martedì 5 ottobre, inizia la stagione del Teatro di Pergine con un duo di sicuro richiamo che si è riunito dopo anni per riproporre il meglio di un repertorio pieno di divertimento e capacità imitativa, anche nel ricordo del Trio che fece storia con l'indimenticabile Anna Marchesini. A fare da colonna sonora il jazz dal vivo

Pubblicato il - 04 novembre 2019 - 09:10

PERGINE. Massimo Lopez e Tullio Solenghi show è il grande e atteso ritorno di una delle coppie artistiche più amate del panorama artistico italiano, in un'anteprima nazionale in scena al Teatro di Pergine domani martedì 5 novembre 2019 alle ore 20.45. Massimo Lopez e Tullio Solenghi tornano insieme sul palco dopo 15 anni, come due vecchi amici che si ritrovano, in uno Show di cui sono interpreti e autori, accompagnati dalle musiche live della Jazz Company diretta dal maestro Gabriele Comeglio. Ne scaturisce una scoppiettante carrellata di voci, imitazioni, sketch, performance musicali, improvvisazioni e interazioni col pubblico.

 Tra i vari cammei, l’incontro tra Papa Bergoglio e Papa Ratzinger, in un esilarante siparietto di vita domestica, i duetti musicali di Gino Paoli e Ornella Vanoni e quello più recente di Dean Martin e Frank Sinatra, che ha sbancato la puntata natalizia di “Tale e Quale Show”. In quasi due ore di spettacolo, Tullio e Massimo, da “vecchie volpi del palcoscenico”, si offrono alla platea con l’empatia spassosa ed emozionale del loro inconfondibile “marchio di fabbrica”.

 

 Formatisi entrambi presso la Scuola del Teatro Stabile di Genova, assieme Anna Marchesini fondano nel 1982 il celebre gruppo teatrale Il Trio. Il loro primo lavoro di successo è Helzapoppin su Radio 2. Nel 1985, il Trio fu scelto per 8 puntate televisive del varietà Tastomatto, affiancando Pippo Franco. In seguito partecipano a varie trasmissioni televisive, sull'onda del successo da Tastomatto e Domenica in. Con le 40 puntate di Domenica in nel 1985/1986, il Trio viene onorato come Rivelazione dell'Anno. Sempre nello stesso anno partecipano a Fantastico 7, ponte di lancio per alcuni spettacoli oltreoceano, al Lincoln Center di New York e a Buenos Aires. Partecipano a tre edizioni del Festival di Sanremo, nel 1986, 1987 e 1989.

 

 Sono attivi per anni sia in teatro sia in spettacoli televisivi, come Allacciare le cinture di sicurezza nel 1987 e In principio era il trio nel 1991. Entrambi i lavori ottennero un buon successo di critica e pubblico, Allacciare le cinture di sicurezza fu anche premiato con un Biglietto d'Oro. La loro fama raggiunge il culmine nel 1990 con la parodia de I promessi sposi, rilettura dell'omonimo romanzo manzoniano, trasmesso su Rai 1 in cinque puntate, con picchi di ascolto di 17 milioni di persone.

 

 Lo scioglimento del Trio avvenne tra il 1994 e il 1995, anche se i tre continuarono a collaborare in qualche occasione; memorabile il ritorno sugli schermi per la commemorazione dei 25 anni di attività, avvenuto nel 2008 con la trasmissione Non esiste più la mezza stagione. Lopez e Solenghi hanno inoltre condotto Striscia la notizia nel maggio del 2005.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 15:08

Le minoranze proprio questo pomeriggio hanno presentato una mozione per chiedere la creazione di una commissione d'indagine per verificare il tasso di effettiva diffusione del virus Covid-19 sul territorio Trentino, le modalità del suo monitoraggio e le azioni adottate per la sua gestione

26 gennaio - 15:30

La giornata di Conte è iniziata con l'ultimo Consiglio dei Ministri per poi proseguire al Quirinale e al Senato, dove ha annunciato la sua decisione a Mattarella e ai presidenti delle Camere. Al vaglio ora le varie opzioni: dal Conte "ter" allo scioglimento delle Camere

26 gennaio - 13:34

Bolzano fa un passo indietro dopo la mancata accettazione della classificazione del Cts e l'inserimento a livello europeo nella "zona rosso scuro". Pronta una nuova ordinanza che introduce restrizioni da domenica 31 gennaio. Kompatscher: "Sappiamo che le classificazioni nazionali e europee hanno conseguenze giuridiche. Per questo abbiamo deciso di prendere atto di questa situazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato