Contenuto sponsorizzato

Prove aperte per Weber, alla scoperta del dietro le quinte della musica classica e dei giovani talenti

Ultima data estiva per le prove aperte dell’Associazione culturale Ad Maiora. In agenda l'esibizione del giovane pianista tedesco-italiano Enzo Weber. Un’altra occasione per avvicinarsi e sbirciare dietro le quinte della musica classica. L’appuntamento è per giovedì 12 settembre, alle 18, nella sala della Fondazione Caritro in via Calepina a Trento

Pubblicato il - 11 settembre 2019 - 19:29

TRENTO. Ultima data estiva per le prove aperte dell’Associazione culturale Ad Maiora. In agenda l'esibizione del giovane pianista tedesco-italiano Enzo Weber. Un’altra occasione per avvicinarsi e sbirciare dietro le quinte della musica classica. L’appuntamento è per giovedì 12 settembre, alle 18, nella sala della Fondazione Caritro in via Calepina a Trento.

 

"A luglio - commenta Alessandro Arnoldo, direttore artistico dell'Associazione culturale Ad Maiora - c’è stato il primo esperimento con il Trio Andes, ad agosto il Duo Marlù. Ora a settembre chiudiamo la piccola stagione estiva di prove aperte con un giovane pianista italo-tedesco che presenterà al pubblico un programma che fa scontrare razionalità e immaginazione libera".

 

Anche questa volta, non un’esibizione standard, ma una prova aperta, che permetta ai cittadini di sbirciare dietro le quinte della musica classica, raggiungendo l’obiettivo di un avvicinamento del pubblico generale ai giovani artisti in cerca di palcoscenico. 

 

Due obiettivi quindi: da una parte offrire gratuitamente al pubblico un’esibizione musicale di qualità con un programma studiato e interessante, dall’altra dare la possibilità a una giovane ensemble di andare in scena e provare, appunto, ciò che è stato studiato. 

 

Il programma della prova aperta: si inizia con due sonate di Ludwig van Beethoven, la n. 5 op. 10/1 in Do minore e la n. 7 op. 10/3 in Re maggiore. Queste sono tra le prime sonate del compositore tedesco, sono molto classiche e vedono ancora l’influenza di Haydn. Seguiranno poi due composizioni completamente diverse, due “improvvisazioni messe su carta”: l’Etude tableau op. 39 n. 2 in La minore di Sergej Vasil'evič Rachmaninov e l’Impromptu n. 3 op. 51 in Sol bemolle maggiora di Fryderyk Chopin.

 

Per chi desidera curiosare, il giovane pianista sarà in prova nella sala della Fondazione Cartiro di via Calepina già dal primo pomeriggio, mentre l'ingresso all'esibizione è libero. "Un ultimo appuntamento in chiave estiva - conclude Arnoldo - per festeggiare il successo delle prove aperte di Ad Maiora. Il giovane pianista italo-tedesco Enzo Weber ci farà ascoltare un programma decisamente interessante di cui posso dire mi piace molto il dualismo tra razionalità del primo Beethoven e l’immaginazione libera di Rachmaninov e Chopin. Insieme per salutare l’estate e per iniziare a pensare all’autunno. L’obiettivo, sempre avvicinare, culturalmente ed economicamente, il pubblico alla musica classica, riuscendo allo stesso tempo a fungere da palcoscenico per giovani musicisti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 12:38

La donna è stata assistita dall’avvocato trentino Schuster: “Al di là della tutela della cliente, era importante porre fine a tesi isolate che pretendevano di applicare automatismi e ora la Cassazione ha fatto chiarezza. Ma la piena dignità delle persone trans è ancora un traguardo lontano”

17 febbraio - 21:35

L’area potrà essere edificata dopo decenni di stop. Motivato. I privati che vi investiranno cederanno una porzione di terreni al Comune. E per quanto riguarda le future costruzioni si realizzerà – in parte – una struttura di cohousing: alloggi privati corredati da spazi comuni destinati ad un uso collettivo

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato