Contenuto sponsorizzato

Tra minimalismo, ambient ed elettronica

Sabato 9 prosegue al Melotti di Rovereto la rassegna Musica Macchina del Centro Santa Chiara che offre il palco alla musicista canadese Sara Davachi nell'unica data italiana del suo tour europeo. Ci sarà anche il polistrumentista Renato Grieco con il suo progetto solista kNN

Pubblicato il - 07 novembre 2019 - 10:07

ROVERETO. Musica Macchina, ospitata all’Auditorium Melotti di Rovereto, è la rassegna del Centro Servizi Culturali Santa Chiara dedicata all’incontro tra ricerca sonora, musica elettronica sperimentale e arti multimediali, con uno sguardo rivolto ai progetti e alle realtà più interessanti della scena internazionale.
Dopo il successo dell’evento di apertura con Time-Blind di Caterina Barbieri & Ruben Spini e Perceptual Geography di Thomas Ankersmit, la stagione 2019/2020 di Musica Macchina prosegue sabato 9 novembre (ore 21.00, Basement dell’Auditorium “Melotti” di Rovereto) con un nuovo appuntamento, anche questa volta strutturato in una doppia performance. Protagonisti della serata, la compositrice canadese Sarah Davachi (nell’unica data italiana del suo tour europeo) e il polistrumentista napoletano Renato Grieco con il suo progetto solista kNN.

 Con una visione compositiva che abbraccia minimalismo, ambient ed elettronica – senza tralasciare un’attrazione per la musica antica – Sarah Davachi ha trovato nella dilatazione delle durate e nella costruzione di strutture armoniche essenziali la chiave per indagare i delicati equilibri e le complessità dello spazio acustico.

 

 Di origini canadesi e attualmente residente in California, Davachi ha svolto i suoi primi studi musicali presso il Mills College di Oakland (istituzione famosa per il prestigio di molti dei suoi docenti, tra i quali Alvin Curran, Pauline Oliveros, John Cage e Fred Frith) e sta proseguendo la carriera accademica presso la UCLA.
Gli strumenti coinvolti nelle sue composizioni sono molteplici e di varia natura: dai sintetizzatori analogici alla voce, dagli archi ai legni, con una predilezione per l’organo (ne è un sublime esempio il suo disco del 2018 Gave In Rest) e un recente ritorno al piano (come testimoniano i richiami bachiani dell’album Pale Bloom, 2019).

 kNN è il progetto solista di Renato Grieco, contrabbassista, compositore e performer napoletano, già parte del duo elettroacustico Les Énervés (con Giulio Nocera) e coinvolto in numerose collaborazioni in ambito improvvisativo e acusmatico. La sua singolare poetica, che mette in relazione diverse esperienze acustiche non legate necessariamente al suono/musica, è evidente nello straniante universo di suoni e musiche non identificabili racchiuso in Alta Moda Animale, il suo sorprendente esordio solista nella forma album, pubblicato nel 2019 dalla label pseudomagica. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 ottobre - 17:00
Il colpo è stato talmente violento da far sbalzare indietro entrambi i veicoli. La Fiat 500 ha anche perso una ruota
Cronaca
22 ottobre - 12:02
Nell’ultima settimana sono aumentate le persone in età lavorativa che hanno scelto di vaccinarsi, per Gimbe è l’effetto Green pass, al [...]
Cronaca
22 ottobre - 16:38
La Provincia di Bolzano ha un'incidenza di 85,6 casi ogni 100.000 abitanti mentre la media nazionale è ferma a 34 casi (erano 29 una settimana [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato