Contenuto sponsorizzato

Una scenografa, un'insegnante di storia dell'arte e un'architetta. Nasce "Le garage", uno spazio dove condividere idee e progetti

Aprirà i battenti sabato 21 dicembre lo spazio di co-working ideato da Tessa Battisti, Michaela von Der Heyde e Elina Christodoulaki. Battisti: "Abbiamo invitato tanti colleghi. Stiamo pensando anche all'organizzazione di mostre, concerti, laboratori"

Di Arianna Viesi - 19 dicembre 2019 - 19:08

TRENTO. Si chiamano Tessa Battisti, Michaela von Der Heyde e Elina Christodoulaki. Sono, rispettivamente, una scenografa, un'insegnante di storia dell'arte e un'architetta e sabato, a Trento, apriranno uno spazio di co-working a cui stanno lavorando da mesi. Uno spazio artistico dove specialisti della cultura, ma anche semplici appassionati, potranno incontrarsi, scambiarsi idee e proporre progetti.

 

"L'idea - spiega Tessa Battisti - è partita da Michaela, insegnante appassionata di scultura e arte contemporanea. Negli anni ha intrecciato relazioni con altri artisti. Cercava uno spazio da condividere e, così, ha pubblicato un annuncio su Facebook. Io, che la conoscevo già tramite amici in comune, ho colto la palla al balzo e mi sono detta: 'Perché no?'. Si sono poi aggiunte altre persone, abbiamo iniziato a pensare e progettare questo spazio, questo studio intellettuale e artistico. Alla fine siamo rimaste noi tre". 

 

 

Tessa, Michaela e Elina sono accomunate da un'educazione (artistica) molto simile. Anche le loro scelte di vita le hanno viste, spesso, sulla stessa lunghezza d'onda. Tutte e tre hanno studiato arte e, poi, hanno girato (letteralmente) mezza Europa. Elina ha origini greche, ha studiato ad Atene e poi si è trasferita a Berlino. Michaela è di Arco. Tessa, invece, di Trento, ha studiato a Bologna, Roma e poi ha conseguito un master a Londra.

 

Ora, però, hanno deciso di fermarsi e hanno deciso di farlo proprio qui, a Trento. 

 

Nasce così "Le garage", uno spazio che le tre giovani donne condividono e che, sperano, si trasformi in un luogo di condivisione per tanti altri artisti (qualsiasi cosa 'artista' significhi). 

 

 

"Proviamo - continua Tessa Battisti - e vediamo come va. Sabato apriremo in vicolo Dalla Piccola per sperimentare questa nuova formula. Ciascuno porterà le proprie competenze, la propria esperienza. A me, ad esempio, che mi occupo di teatro, piacerebbe invitare specialisti del settore, organizzare letture di pièces e brainstorming per arrivare a nuovi progetti. Michaela, che invece è connessa con l'ambiente contemporaneo trentino, vorrebbe organizzare delle lecture quindi ospitare artisti, musicisti, intellettuali ma anche semplici appassionati".

 

"Le garage" sarà quindi uno spazio libero e aperto. Uno spazio dove sperimentare nuovi approcci, pensare nuovi mondi, valutare nuove idee. Uno spazio partito da tre giovanissime donne che sperano, così, di fare (e creare) rete. "Nei lavori come i nostri - continua Battisti - si è spesso isolati. Questo spazio sarà un modo per conoscersi. Certo, servirà anche come base d'appoggio per i nostri progetti (siamo libere professioniste): lo useremo come ufficio, anche. Ma, al nostro lavoro quotidiano, affiancheremo appuntamenti speciali".

 

Il primo della serie è previsto per il giorno dell'apertura. "Abbiamo invitato tanti colleghi perché nascano idee e progetti. Stiamo pensando anche all'organizzazione di mostre, concerti, laboratori. Insomma, uno spazio in cui ciascuno possa esprimere la propria vena artistica, a modo suo". 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:59

Il numero dei pazienti covid scende ancora e si posiziona a 260, ma la notizia incoraggiante sta anche nel forte calo dei decessi che oggi si fermano ad 1 solo caso avvenuto a Mori. Dei nuovi casi positivi, gli asintomatici sono 75 mentre i pauci sintomatici sono 96. Ci sono altri 19 casi di bambini e ragazzi in età scolare che hanno contratto il virus (le classi in quarantena ieri erano 24) e di questi 3 piccoli hanno meno di 5 anni. Gli ultra settantenni invece sono 30

22 gennaio - 18:49

Intervenuto nella conferenza stampa sulla situazione Covid in provincia, il direttore della Prevenzione dell'Apss Antonio Ferro spiega l'errore nella somministrazione a 12 operatori dell'ospedale di Rovereto di una soluzione fisiologica al posto dei vaccini. "Questo dimostra quanto siano importanti i controlli"

22 gennaio - 17:57

Sul fronte della campagna di vaccinazione,  sono stati somministrati 12.866 vaccini, di cui 3.281 ad ospiti di residenze per anziani. Si registrano 19 nuovi casi di bambini e ragazzi in età scolare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato