Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, arriva Restart: l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento riparte con i suoi solisti dal 15 giugno

Riprende l’attività dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento: nonostante non sia ancora possibile ascoltarla al completo, l’orchestra affida la ripartenza a diversi gruppi guidati dai suoi solisti, protagonisti di una serie di concerti in programma a Bolzano (Castel Mareccio) e Trento (piazza Cesare Battisti) dal 15 al 20 giugno, riuniti sotto la comune denominazione di Restart

Pubblicato il - 11 giugno 2020 - 20:38

BOLZANO. Riprende l’attività dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento: nonostante non sia ancora possibile ascoltarla al completo, l’orchestra affida la ripartenza a diversi gruppi guidati dai suoi solisti, protagonisti di una serie di concerti in programma a Bolzano (Castel Mareccio) e Trento (Piazza Cesare Battisti) dal 15 al 20 giugno, riuniti sotto la comune denominazione di Restart

 

"E' più che una ripartenza simbolica - spiega Valeria Told, segretario generale della Fondazione Haydn - anche se in realtà in questi mesi l’orchestra non si è mai fermata. I musicisti hanno infatti continuato a dialogare con il nostro pubblico, attraverso una serie di video registrati fra le mura delle proprie case, oppure con 'aperitivi musicali' online, nei quali hanno condiviso con i nostri direttori artistici le loro idee sulla musica e sull’arte. E ora è giunto finalmente il momento di 'Restart', di ripartenza dal vivo: l’orchestra si presenterà con otto gruppi da camera, guidati dalle nostre prime parti, che proporranno programmi molto diversi l’uno dall’altro. Spazieranno da musiche note come 'Eine kleine Nachtmusik' oppure il 'Canone' di Pachelbel, fino a interpretazioni proprie di melodie di Astor Piazzolla, Frank Sinatra e Luigi Tenco. Sarà una ripartenza forte, entusiasmante e commovente. E tutto questo ovviamente rispettando la salute di tutti, di chi lavora e di chi ascolta”.

The Music ReStART! from Fondazione Haydn Stiftung on Vimeo.

 

"Ci siamo. Lo diciamo tutti noi della Haydn, musicisti e staff. E lo diciamo a tutti: al nostro pubblico, che per troppi mesi non ha potuto ascoltarci dal vivo e incontrarci; a tutte le persone che vivono nella nostra Regione, e che forse finora non hanno avuto occasione di conoscerci; a tutti quelli che seguono da lontano la vita della nostra Orchestra - dice Daniele Spini, direttore artistico dell’Orchestra Haydn -. Ci siamo con una gran voglia di ripartire. E con tanto entusiasmo, anche se con la consapevolezza della scia di dolore e sofferenza che la pandemia ha tracciato nella nostra zona e nel mondo. In attesa di ripresentarci nelle nostre sale e con la nostra immagine principale di orchestra sinfonica ci dividiamo in vari gruppi, nello spirito di collaborazione che è tipico della musica da camera per portare il nostro messaggio di artisti nei luoghi più diversi, come un dono per tutti”.

 

Ampio e diversificato il repertorio che verrà proposto dagli otto gruppi, “assemblati” per la speciale occasione da prime parti dell’Orchestra: il violinista Marco Mandolini guiderà un quartetto d’archi attraverso musiche di Haydn, Pachelbel e Mozart, mentre il quartetto d’archi riunito attorno al violinista Ole Jacob Frederiksen proporrà il quartetto n. 12 op. 96 “Americano” di Antonín Dvořák. Pachelbel, Telemann e Piazzolla saranno invece al centro dei concerti di un quintetto per archi e pianoforte guidato da Stefano Ferrario. Ad un ottetto con quattro violini, due viole, violoncello e contrabbasso spetterà quindi eseguire musiche di Mozart, Mascagni e Bartók. Ma nell’arco della settimana troveranno anche spazio due ensemble di strumenti a fiato, i cui concerti si prefigurano come esplorazioni di differenti universi musicali, inclusa la canzone d’autore sia americana che italiana.

 

Tutti i concerti saranno ad ingresso gratuito e sarà necessario prenotarsi alla biglietteria del Teatro Comunale per i concerti di Bolzano (email: info@ticket.bz.it – tel. 0471 053800) e scrivendo al Centro Santa Chiara per i concerti di Trento (pinfo@centrosantachiara.it).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato