Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il Teatro Stabile di Bolzano adegua la produzione per la scuola e lancia una nuova formula per intercettare le nuove generazioni

Al bando pubblicato nel mese di aprile dallo Stabile hanno risposto 38 collettivi artistici per un totale di 44 progetti presentati. L’idea dello Stabile di Bolzano è quella di creare, tramite l’impulso e il sostegno alla creatività degli artisti del territorio, spettacoli agili da portare direttamente nelle classi nell’anno scolastico 2020/2021, realizzando più repliche di uno stesso spettacolo per ogni scuola

Foto di G. Iocolano
Pubblicato il - 05 maggio 2020 - 20:37

BOLZANO. Se nei mesi post Covid-19 gli studenti non potranno andare a teatro, sarà il teatro ad andare da loro. Parte da un semplice ma rivoluzionario assunto l’iniziativa di produzione di spettacoli tascabili per scuole promossa del Teatro Stabile di Bolzano e realizzata in collaborazione con il Dipartimento cultura italiana della Provincia di Bolzano e con l’Assessorato alla cultura del Comune di Bolzano.

 

Al bando pubblicato nel mese di aprile dallo Stabile hanno risposto 38 collettivi artistici per un totale di 44 progetti presentati. L’idea dello Stabile di Bolzano è quella di creare, tramite l’impulso e il sostegno alla creatività degli artisti del territorio, spettacoli agili da portare direttamente nelle classi nell’anno scolastico 2020/2021, realizzando più repliche di uno stesso spettacolo per ogni scuola.

 

Da quella che è ancora un’esigenza sanitaria, nasce una nuova formula di avvicinamento del teatro alle nuove generazioni. Diretta, sintetica, coinvolgente e ad uso degli insegnanti e degli studenti, per approfondire argomenti del programma scolastico.

 

A questo si aggiunge anche un altro proposito: far lavorare in questo periodo di incertezza professionale gli artisti locali su un progetto teatrale concordato congiuntamente. Stringenti le indicazioni date dallo Stabile in merito alle caratteristiche degli spettacoli teatrali per le scuole e anche sulle tematiche da affrontare.

 

Il teatro ha stilato una rosa di testi classici, fiabe e commedie da ridurre a spettacoli di prosa per questa inedita stagione "indoor". Un ampio spettro di spunti letterari che integrano e accompagnano il percorso scolastico e tracciano un avvincente percorso nella storia e anche nell’immaginario dello epoche passate: dalla Leggenda del Regno dei Fanes al Bestiario di Leonardo da Vinci, dalle Fiabe Italiane raccolte da Italo Calvino a Gli esami di Arlecchino di Gianni Rodari, senza dimenticare i giganti della letteratura e del teatro come Aristofane, Boccaccio, Shakespeare, Ariosto, Verga e Pirandello.

 

Anche la durata delle mise en espace non deve superare i 50 minuti, proprio come una lezione scolastica. A seguito di un’attenta analisi delle 44 proposte presentate, lo Stabile ha selezionato 23 progetti di spettacoli destinati ad essere sviluppati dai 27 artisti coinvolti nei prossimi due mesi.

 

Molteplici i criteri di valutazione: oltre ai requisiti fondamentali come la qualità artistica e le qualifiche professionali dei partecipanti, la selezione ha tenuto conto dell’adattabilità e realizzabilità del progetto, della sua conformità alle esigenze sanitarie, della versatilità e agilità nell’allestimento.

 

Nei mesi di maggio e giugno quindi, il Teatro Stabile monitorerà lo sviluppo dei progetti individuati, coordinerà le varie fasi di stesura dei testi e di allestimento in remoto e potrà rendere pubbliche le restituzioni delle varie fasi di realizzazione sui propri canali virtuali. Una volta realizzati, gli spettacoli verranno proposti alle scuole: l’obiettivo è quello di avere decine di spettacoli in contemporanea, rappresentati nelle varie sezioni delle scuole di ogni ordine e grado in tutta la provincia di Bolzano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 11:05

I dati sono stati fatti conoscere durante il progetto quadriennale “Life Blue Lakes”. E' aumentata la concentrazione media di microparticelle di plastica per chilometro quadrato nei laghi, Sul Garda si è passati dalle 9.900 particelle del 2017 alle 131.619 del 2019 per chilometro quadrato

04 luglio - 11:25
L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri, venerdì 3 luglio, intorno alle 21.30 in via Dorighi, in località Lugo, nel comune di Grezzana in provincia di Verona. La bimba stava pedalando e quindi avrebbe perso il controllo della bici. A quel punto è precipitata nel torrente per finire sulla pietre dopo un volo di circa 4 metri
04 luglio - 09:15

Le immagini della fototrappola che è riuscita a catturare un doppio transito dell'animale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato