Contenuto sponsorizzato

“Più de la vita” di Raffaella Rivi, pluripremiato documentario nominato ai Donatello, arriva a Folgaria e Lavarone

Verrà proiettato il 28 e 30 luglio il documentario che racconta la vita ed il percorso artistico di Michele Sambin, pioniere dell’arte contemporaneo e della videoarte; il film, già acclamato all’OnArt festival in Polonia e al Festival Internacional de Cinema da Figueria da Foz in Portogallo, è stato selezionato per il David di Donatello

Pubblicato il - 27 luglio 2020 - 19:52

FOLGARIA. Per la prima volta arriva in Trentino il documentario “Più de la vita”, opera d'arte sull'opera d'arte realizzata da Raffaella Riva selezionata per ben 15 David di Donatello. L'appuntamento è doppio: la prima proiezione si terrà martedì 28 luglio al cinema teatro Paradiso di Folgaria (alle 21), in presenza della Regista; la seconda giovedì 30 luglio al cinema teatro Dolomiti di Lavarone (alle 21.15) all’interno della rassegna “Fuori dagli schermi” curata ed introdotta da Annamaria Targher. 

 

Il film, prodotto da Kublai film e diretto da Raffaella Riva, racconta i quarant’anni del percorso dell’artista contemporaneo Michele Sambin. Artista multiforme e grande sperimentatore, ha sempre tentato l’incrocio fra varie tecnologie e, passando dal video analogico alla pittura digitale alla musica elettronica, è diventato pioniere della videoarte. E’ stato anche ideatore di performances, spettacoli teatrali, opere pittoriche e partiture sonore.

 

Il documentario, che ad oggi è uno dei 15 selezionati per il David di Donatello, mostra come l’arte sia un lavoro concreto, “che attraversa il tempo e trasforma lo spazio” ma che essi possono essere adattati dall’artista alle proprie esigenze. Il film di Raffaella Rivi è un’opera d’arte sull’opera d’arte, un racconto intimo e concreto della vita e del pensiero dell’artista che nel suo quasi mezzo secolo di lavoro ha sperimentato il video analogico e la pittura digitale, gli strumenti tradizionali e la rivoluzione della musica elettronica

Le proiezioni della prossima settimana saranno le prime effettuate nella regione: il film, uscito nel 2019, riconosciuto all’OnArt festival in Polonia e premiato in Portogallo al Festival Internacional de Cinema da Figueira da Foz (Miglior documentario e Miglior Montaggio) ha già fatto il giro del mondo e dell’Italia e finalmente approderà nei cinema del Trentino.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 06:01
In aula è andato in scena un duello fra Dallapiccola e il presidente Fugatti che è apparso in difficoltà nel giustificare le scelte della Giunta [...]
Cronaca
24 giugno - 09:22
La donna è stata uccisa a coltellate apparentemente senza alcun motivo da un uomo 34enne affetto da turbe psichiche. Come dimostrano i [...]
Ricerca e università
23 giugno - 17:41
Gli universitari dei 12 atenei della rete Eciu (The European Consortium of Innovative Universities) sono chiamati a mettere in pratica le [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato