Contenuto sponsorizzato

Al via "La Caserma", il programma di Rai 2 ambientato a Levico per insegnare a una ventina di giovani lo spirito di squadra e la disciplina

Prende avvio con la serata di mercoledì 27 gennaio "La Caserma", un programma di Rai 2 in cui una ventina di giovani appena maggiorenni vivrà un'esperienza concepita per stimolare lo spirito di squadra e imparare la disciplina. Sei le puntate nella location tutta trentina di Levico Terme

Pubblicato il - 27 gennaio 2021 - 11:28

LEVICO TERME. “Un mix tra romanzo esperienziale e adventure”. Viene descritto così il programma "La Caserma", format di Rai 2 ritagliato sul solco de “Il Collegio”, in onda dalla serata di mercoledì 27 gennaio. Il docu-reality, ambientato a Levico Terme, vedrà una ventina di ragazzi misurarsi con prove fisiche e la dura vita della caserma, “parole d'ordine disciplina, doveri, convivenza, addestramenti e dure esercitazioni”.

 

Sostenuto dal punto di vista logistico da Trentino Film Commission, realizzato in collaborazione con Blue Yazmine, “La Caserma” si propone di offrire un ritratto della generazione Z, cioè di ragazzi nati dopo il 1997 e nel caso specifico appena divenuti maggiorenni. Presentato come un “esperimento sociale che farà riflettere sui ragazzi compresi nella fascia degli under30”, punta a far maturare i giovani coinvolti, creando spirito di squadra.

 

Sei le puntate previste per un programma che non ha alcuna collocazione temporalenel primo lancio del programma veniva invece specificato un “back to 1914” che creava un certo cortocircuito tra il tricolore sventolante nel trailer e la scelta di Levico Terme come location, al tempo, come tutto il territorio a nord di Borghetto d'Avio, parte dell'impero austro-ungarico – e che parte dall'idea di raccontare i ventenni di adesso come, scrivono gli autori, “una generazione profondamente matura, capace di leggere la tradizione, proiettarsi nel futuro e ben consapevole di sé stessa”.

 

Tutti compresi tra i 18 e i 23 anni, i protagonisti del programma sono ragazzi comuni, che studiano, lavorano o si trovano nella categoria dei “neet” (“Not in Employment or in Education or Training”, persone che non sono impegnate nello studio, nel lavoro o nella formazione), provenienti da tutta la penisola. Scollegati da internet e dai social, per un mese vivranno una sfida concepita per stimolare lo spirito di squadra e di disciplina.

 

A metterli alla prova saranno i cinque istruttori professionisti (Simone Cadamuro, Germano Capriorri, Deborah Colucci, Giovanni Rizzo e Salvatore Rossi) e “l'irremovibile” istruttore capo Renato Daretti. A narrare, invece, sarà la voce di Simone Montedoro, che seguirà per tutte e 6 le puntate il training ispirato alla disciplina militare a cui si dovranno sottoporre i giovani, tra duri addestramenti, percorsi ginnici, corse zavorrate, camouflage, escursioni in esterna, arrampicate e via discorrendo.

 

Lo scenario, come accennato, sarà quello invernale di Levico Terme, con una struttura adibita a caserma e trasformata per l'occasione in un set unico per un percorso di addestramento duro e a contatto con la natura. La location è infatti immersa nel verde, circondata dai boschi della Valsugana. Il centro è composto da 4 edifici e un piazzale esterno per le esercitazioni.

 

Scritto da Cristiano Rinaldi, in collaborazione con Cristina Limon, Roberto Petrucci, Andrea Marchi, Veronica Pennacchio, Caterina Gaia e Chiara Iacobelli, “La Caserma” conta sulla regia di Riccardo Valotti e, tengono a specificare i produttori, è stato registrato nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste per l'emergenza sanitaria in corso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato