Contenuto sponsorizzato

Between Sisters, il "ritratto di famiglia" del film-maker trentino Manu Gerosa. "Mia madre, mia zia e un segreto che è venuto a galla".

La corsa contro il tempo per strappare all'oblio della perdita della memoria un segreto nascosto per una vita intera. Il regista, figlio e nipote, che voleva raccontare la quotidianità si trova invece davanti a una rivelazione che coinvolge tutta la famiglia

Di Donatello Baldo - 07 febbraio 2017 - 10:14

ROVERETO. “Ci sono voluti tre anni per realizzare questo documentario. Volevo preservare un ricordo familiare, la particolarità del rapporto tra mia zia Teresa e mia madre Ornella”. L'intenzione di Manu Gerosa, autore di Between Sisters, era quella di realizzare un ritratto di famiglia, “poi tutto si è trasformato nel corso della realizzazione, e il risultato è diverso da quello che avevo immaginato all'inizio”.

 

Perché funziona così con i documentari, soprattutto quando gli autori sanno stare al loro posto e lasciano che gli eventi accadano, che le storie escano da sole. “Cosa non facile se sei parte del contesto, figlio e nipote. Con una telecamera in mano”.

 

Manu Gerosa, film-maker roveretano, spiega che l'equilibrio è stato tenuto a fatica, “per questa ragione i tempi di realizzazione sono stati lunghi, soprattutto nel montaggio”. E spiega che il rapporto familiare si modifica con una telecamera in mano: “Ha permesso a me di osservarlo da una prospettiva diversa, ha permesso a loro di raccontare cose che mai avrebbero raccontato dentro le dinamiche solite. La telecamera non ha ripreso la quotidianità – sottolinea Gertosa – ha innescato la rivelazione”.

 

Perché in Between Sisters succede qualcosa di inaspettato, spunta un segreto di cui Teresa non ha mai parlato. Un segreto che rischiava di essere avvolto per sempre dall'oblio della memoria che sfugge, per l'età e per la malattia. Un segreto che, prima che sia troppo tardi, Ornella voleva fosse svelato. Un segreto di famiglia.

 

“Prima della rivelazione avvertivo l'attesa – spiega Manu Gerosa – quel giorno non succedeva niente. c'era un'atmosfera di vuoto. Poi la telecamera ha iniziato a tremare, e l'equilibrio tra regista e parte in causa si è fatto vivo. Quel segreto riguardava la familiare di cui sono ovviamente parte, questo film stava parlando anche di me”.

 

“La mia posizione ambivalente è stata la cosa più difficile e allo stesso tempo più entusiasmante, più intensa – racconta – ma ho vissuto molti momenti di crisi. Mi chiedevo cosa fosse più utile, fino a dove potevo spingermi come figlio, come nipote, come regista”.

 

Manu Gerosa racconta che l'idea di girare questo film era da tempo tra i suoi pensieri, ma che si decise a realizzarlo il giorno in cui in famiglia si parlò di ricorrere alle cure di una badante che potesse aiutare la zia. “Questo avrebbe disarticolato e sbilanciato quello che avrei voluto riprendere: il particolare rapporto tra mia zia e sua sorella, mia madre, di ventun anni più giovane”.

 

Il tema della vecchiaia, della vita che volge al termine, delle scelte che si sono fatte e che hanno determinato una vita intera, dei bilanci che si fanno alla fine: ecco di cosa parla Between Sisters.

 

Gianmario Gazzi, anche lui roveretano, presidente nazionale dell'Ordine degli assistenti sociali, scrive queste parole per commentare il lavoro di Gerosa: “Questo film dovrebbe essere proiettato nei corsi di laurea per i futuri assistenti sociali e anche nelle supervisioni probabilmente. Uno strumento utile e toccante per capire quanto le relazioni e le biografie siano fondamentali per poter essere veramente d'aiuto”.

 

Ma le recensioni, oltre le premiazioni nei più importanti festival internazionali, sono molte e significative. Tra tutte quella di Claudia Cardinale: “Between Sisters è un magnifico ritratto sulla fuga del tempo, sulla famiglia e sul perdono. L'intimità nella quale Manu Gerosa ci ospita ci mette di fronte ai nostri segreti e alle nostre paure. Ci sono molti modi di leggere questo film, ma è soprattutto un film sull'universalità dei sentimenti, sull'amore incondizionato”.

 

Il film uscirà al cinema in tutta Italia tra febbraio e marzo. Le anteprime a Rovereto, martedì 7 febbraio all’Auditorium Fausto Melotti alle ore 21:00, e a Volano per mercoledì 8 febbraio al Cinema Volano alle 16:00 e alle 20:30. Sarà presente l'autore.

 

Qui tutte le altre info, la produzione, le recensioni e il "medagliere" colmo di premi e segnalazioni importanti.  E quello che segue il trailer di “Between Sisters” con le immagini di Ornella e Teresa, l'accenno alla loro storia e a quel segreto che chi vorrà scoprire dovrà guardare per intero il film.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 09:59

Anche ieri notte lo spettacolo tra vicolo San Marco e via Santa Maria era questo. Si stanno facendo i salti mortali per tenere aperte scuole e università e per garantire la presenza sui posti di lavoro ma serate come queste rischiano di vanificare tutto anche per quelli che rispettano le regole e in questa difficile epoca storica riescono a rinunciare alla birretta schiacciati tra altre decine di persone

27 settembre - 05:01

Piazza Dante tergiversa, approfondisce in attesa di chissà quale illuminazione. La legge è stata licenziata a luglio, il Tar ha accolto i ricorsi di diversi esercizi commerciali a inizio settembre, ma ancora si decide di non decidere

26 settembre - 20:43
La componente verde appare più cauta in attesa del vertice di lunedì, un appuntamento nel quale c'è una valutazione sull'andamento delle elezioni. Coppola: "Lasciamo piena libertà di scelta alle sezioni territoriali e non ci sono direttive a livello provinciale. Auspichiamo che i cittadini possano votare per il bene della città"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato