Contenuto sponsorizzato

Dalla California allo 'scimmiografo' di Francesco Gabbani, la grinta di Alice Lorenzi ai mondiali di hip hop

La dodicenne di Lavis è la più giovane della crew e si è esibita tra le fila del gruppo N.ough di Roma di Filippo Ranaldi, salito alla ribalta in qualità di 'scimmiografo' e come coreografo della passata edizione di X-Factor, e Alessandro Sterni. La trentina: "Siamo arrivati in semifinali, incredibile"

Di Luca Andreazza - 18 agosto 2017 - 20:34

LAVIS. "E' stato un sogno. Un'emozione incredibile sventolare il tricolore, ma è difficile spiegare il contrasto di sentimenti nel salire sul palco dei mondiali e confrontarsi contro i migliori interpreti della disciplina", questa è Alice Lorenzi, dodicenne tutta talento e grinta di Lavis, reduce dalla campagna americana tra le fila del gruppo N.ough di Roma nel World of dance a Los Angeles (California, 23 luglio) e l'Hip hop international a Phoenix in Arizona il 12 agosto scorso. 

 

E la spedizione italiana negli States è andata ben oltre le aspettative. L'unica compagine tricolore si è infatti classificata quattordicesima su ventiquattro Paesi nella prima uscita californiana e trentaduesima su sessantacinque nazioni nella tappa in Arizona, agguantando in quest'ultimo caso le semifinali della manifestazione.

 

"Il livello - spiega Alice, la più piccola per età e statura del gruppo - era incredibilmente alto. Nella danza cerco di dare sempre il massimo e di mettere sul palco lo stato d'animo del momento. E' stato un bel banco di prova".

 

Qualche curiosità? "A Phoenix eravamo soddisfatti di quanto fatto - commenta - ma non pensavamo di avercela fatta a superare il primo round. Invece ci hanno avvisato in fretta e furia che eravamo arrivati in semifinale, quando ormai stavamo già lasciando la struttura (ride)".

Caparbietà, impegno e bravura sono le chiavi di questa avventura a stelle e strisce di Alice Lorenzi, il tutto condito dalle indicazioni dei maestri Filippo Ranaldi, salito alla ribalta in qualità di 'scimmiografo' di Francesco Gabbani e come coreografo della passata edizione di X-Factor, e Alessandro Sterni. "Un ringraziamento - ammette - va sicuramente a loro per l'impegno e la passione che mettono nel progetto".

 

Ottimi risultati raggiunti nonostante la difficoltà del progetto: N.ough è infatti un mosaico tricolore, il segno particolare della crew è quello di accogliere esperienze, luoghi e personalità diverse in un unico contenitore under 18 che durante l'anno si sono allenati insieme appena una decina di volte in sedute intensive. 

 

"La cultura americana - commenta Alice - rispetta molto questa disciplina: già alla mia età tanti ragazzi crescono ballando e si comportano da professionisti. Anche i giapponesi mi hanno stupito in questa kermesse, davvero incredibili per impegno e bravura".

 

La trentina si è tolta la soddisfazione di allenarsi nelle palestre in America e mettersi alla prova seguendo i consigli degli insegnanti locali: "Banale dirlo - evidenzia - ma è tutto un altro mondo, a cominciare soprattutto dalle palestre dove abbiamo svolto questi stage. Tutto molto formativo per un'esperienza che porterò sempre nel cuore".

 

Archiviati i mondiali, ma anche le visite da Hollywood a Disneyland, dagli Universal Studios a Malibù, da Santa Monica a El Matador, Alice è ritornata da qualche giorno nella realtà del Trentino. "Adesso - conclude - svolgerò uno stage a Tesero e poi mi riposo un po' prima di iniziare l'anno scolastico e affrontare gli esami di terza media". E la danza sempre sullo sfondo.

 

  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 13:23

Ecco quali sono le strade chiuse in provincia di Trento e il livello neve sui diversi territori. Fiumi monitorati con Brenta e Leno osservati speciali (anche se i momenti di piena sono stati venerdì notte con portate anche dieci volte superiori al normale)

17 novembre - 13:44

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato