Contenuto sponsorizzato

Dalla California allo 'scimmiografo' di Francesco Gabbani, la grinta di Alice Lorenzi ai mondiali di hip hop

La dodicenne di Lavis è la più giovane della crew e si è esibita tra le fila del gruppo N.ough di Roma di Filippo Ranaldi, salito alla ribalta in qualità di 'scimmiografo' e come coreografo della passata edizione di X-Factor, e Alessandro Sterni. La trentina: "Siamo arrivati in semifinali, incredibile"

Di Luca Andreazza - 18 agosto 2017 - 20:34

LAVIS. "E' stato un sogno. Un'emozione incredibile sventolare il tricolore, ma è difficile spiegare il contrasto di sentimenti nel salire sul palco dei mondiali e confrontarsi contro i migliori interpreti della disciplina", questa è Alice Lorenzi, dodicenne tutta talento e grinta di Lavis, reduce dalla campagna americana tra le fila del gruppo N.ough di Roma nel World of dance a Los Angeles (California, 23 luglio) e l'Hip hop international a Phoenix in Arizona il 12 agosto scorso. 

 

E la spedizione italiana negli States è andata ben oltre le aspettative. L'unica compagine tricolore si è infatti classificata quattordicesima su ventiquattro Paesi nella prima uscita californiana e trentaduesima su sessantacinque nazioni nella tappa in Arizona, agguantando in quest'ultimo caso le semifinali della manifestazione.

 

"Il livello - spiega Alice, la più piccola per età e statura del gruppo - era incredibilmente alto. Nella danza cerco di dare sempre il massimo e di mettere sul palco lo stato d'animo del momento. E' stato un bel banco di prova".

 

Qualche curiosità? "A Phoenix eravamo soddisfatti di quanto fatto - commenta - ma non pensavamo di avercela fatta a superare il primo round. Invece ci hanno avvisato in fretta e furia che eravamo arrivati in semifinale, quando ormai stavamo già lasciando la struttura (ride)".


Caparbietà, impegno e bravura sono le chiavi di questa avventura a stelle e strisce di Alice Lorenzi, il tutto condito dalle indicazioni dei maestri Filippo Ranaldi, salito alla ribalta in qualità di 'scimmiografo' di Francesco Gabbani e come coreografo della passata edizione di X-Factor, e Alessandro Sterni. "Un ringraziamento - ammette - va sicuramente a loro per l'impegno e la passione che mettono nel progetto".

 

Ottimi risultati raggiunti nonostante la difficoltà del progetto: N.ough è infatti un mosaico tricolore, il segno particolare della crew è quello di accogliere esperienze, luoghi e personalità diverse in un unico contenitore under 18 che durante l'anno si sono allenati insieme appena una decina di volte in sedute intensive. 

 

"La cultura americana - commenta Alice - rispetta molto questa disciplina: già alla mia età tanti ragazzi crescono ballando e si comportano da professionisti. Anche i giapponesi mi hanno stupito in questa kermesse, davvero incredibili per impegno e bravura".

 

La trentina si è tolta la soddisfazione di allenarsi nelle palestre in America e mettersi alla prova seguendo i consigli degli insegnanti locali: "Banale dirlo - evidenzia - ma è tutto un altro mondo, a cominciare soprattutto dalle palestre dove abbiamo svolto questi stage. Tutto molto formativo per un'esperienza che porterò sempre nel cuore".

 

Archiviati i mondiali, ma anche le visite da Hollywood a Disneyland, dagli Universal Studios a Malibù, da Santa Monica a El Matador, Alice è ritornata da qualche giorno nella realtà del Trentino. "Adesso - conclude - svolgerò uno stage a Tesero e poi mi riposo un po' prima di iniziare l'anno scolastico e affrontare gli esami di terza media". E la danza sempre sullo sfondo.

 

  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 05:01

Un’operatrice di Rsa ha contratto il coronavirus nonostante fosse già stata sottoposta alla seconda dose di vaccino a fine gennaio, ecco perché può accadere ma allo stesso tempo è importante parlarne. Ferro: “Siamo a conoscenza del caso e lo stiamo seguendo, non è la prima volta che succede e si tratta di una situazione attesa nel senso che il vaccino ha un’efficacia del 95%”

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato