Contenuto sponsorizzato

I profughi si raccontano attraverso l'arte. Mostra a Trento a palazzo Lodron

Quattordici ragazzi richiedenti protezione internazionale hanno partecipato all'iniziativa promossa dalla cooperativa sociale Kaleidoscopio

Pubblicato il - 22 ottobre 2016 - 11:18

TRENTO. È il colore l'elemento protagonista della mostra intitolata “In Viaggio”, inaugurata ieri nel sito archeologico di Palazzo Lodron a Trento messo a disposizione da Volksbank. Una nuova iniziativa che consente di valorizzare il tempo libero dei richiedenti asilo favorendo l'incontro con la comunità attraverso, in questo caso, il linguaggio dell'arte contemporanea.

 

Sono alloggiati alla Residenza Fersina, nel capoluogo, i quattordici ragazzi richiedenti protezione internazionale che hanno partecipato all'iniziativa promossa dalla cooperativa sociale Kaleidoscopio - nell'ambito del progetto di accoglienza profughi in Trentino coordinato dal Cinformi – collaborando, ideando e creando con cinque artisti trentini del collettivo “Bivacco d’arte”.

 

Ne è nata un'esposizione, con la supervisione artistica di Angelo Demitri Morandini, che traduce in opere realizzate con diverse tecniche le storie e le potenzialità creative dei profughi per narrare il “viaggio della speranza” fino all'incontro con la terra d’arrivo. Nello spazio archeologico di Palazzo Lodron convivono le realizzazioni del collettivo trentino accanto a quelle curate direttamente dai migranti, spesso tecnicamente più semplici ma altrettanto cariche di significati.

 

Attraverso il disegno, la scultura e le opere realizzate a più mani i profughi hanno rielaborato il proprio vissuto raccontando il viaggio e le emozioni che lo hanno accompagnato come paura, speranza e, infine, gioia. Emozioni di chi ha attraversato il deserto, Paesi in guerra e ha subito violenze fisiche e psicologiche.

 

Con le opere realizzate, i richiedenti asilo hanno quindi rappresentato la propria storia in un percorso compiuto passo dopo passo con gli artisti trentini. La mostra “In Viaggio” sarà accessibile nelle giornate del 25, 26 e 27 ottobre 2016 dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 14.30 alle 16.30. I curatori sono disponibili ad organizzare aperture programmate della mostra per gruppi o scolaresche previo appuntamento da fissare contattando la cooperativa Kaleidoscopio al numero 0461816036.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato