Contenuto sponsorizzato

Sardoni e gli "irresponsabili" del nostro Paese: "La Fornero? La riforma delle pensioni andava fatta. Lei è servita a tutti come capro espiatorio"

La giornalista de La7 al Trentino Book Festival ha discusso dell’irresponsabilità degli italiani, un aspetto che non riguarda soltanto la politica, ma anche altri settori della società e della magistratura

Pubblicato il - 17 giugno 2017 - 13:16

CALDONAZZO. Alessandra Sardoni, inviata de La7, nell’incontro serale del venerdì al Tbf si è soffermata sull’irresponsabilità degli italiani, un aspetto che non riguarda soltanto la politica, ma anche altri settori della società e della magistratura. "Una tendenza narcisistica – ha spiegato la giornalista – che vede solo il vivere nel presente. La responsabilità vuol dire invece prevedere le conseguenze di ciò che facciamo". L’incontro con il giornalista locale Renzo Maria Grosselli ha affrontato alcuni passaggi della storia recente del Paese: dal G8 di Genova del 2001 attraverso il governo tecnico di Mario Monti fino alle dimissioni di Maurizio Lupi da Ministro alle Infrastrutture.

 

Sardoni ha quindi “riabilitato” la figura di Elsa Fornero, "che è stata comoda per tutti nell’essere individuata come capro espiatorio. La riforma delle pensioni era necessaria e solo in Italia accade che questo tipo di provvedimenti vengano presi non da un governo politico". Nell’agorà dei social network è diventato un segno identificativo l’espressione "gombloddooo". "La teoria del complotto è una narrazione che piace e va bene a tutti".

 

Il libro della Sardoni è una cartina tornasole del potere, che affronta anche il meccanismo semi-automatico del doppiopesismo nell’etica pubblica. "Si delegano alla magistratura scelte che dovrebbe fare la politica". Nella geografia del potere finiscono anche Antonio Mastrapasqua, dirigente generale dell’Inps e Gianni de Gennaro, a capo della Polizia durante i fatti del G8 di Genova. "Dopo il Governo Monti – ha concluso – si è perso l’elemento positivo dell’Europa, che fino a quel momento veniva percepita come un vincolo esterno virtuoso".  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 febbraio - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 febbraio - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato