Contenuto sponsorizzato

Nuovo appuntamento al Capovolto con ''L’estinzione della razza umana'', una tragicommedia nell’androne di un palazzo

Lo spettacolo, scritto e diretto da Emanuele Aldrovandi, è inserito all’interno della rassegna “Teatro Antropocene”, realizzata dal Centro servizi culturali Santa Chiara in collaborazione con il Muse

Pubblicato il - 08 agosto 2022 - 13:36

TRENTO. All’interno del variegato calendario estivo programmato dal Centro servizi culturali S. Chiara sul palco del Teatro Capovolto-La città in scena in piazza Cesare Battisti, tra musica, danza e letteratura c’è spazio anche per il “Teatro Antropocene”, l'interessante rassegna proposta in collaborazione con il Muse e con la direzione artistica di Andrea Brunello (Compagnia Arditodesìo).

 

Si tratta di un ciclo di quattro spettacoli che cercano di indagare e riflettere sulle attuali condizioni dell’uomo e del pianeta. Il terzo appuntamento vedrà salire sul palco del Capovolto mercoledì 10 agosto (ore 21), “L’estinzione della razza umana”, una tragicommedia nell’androne di un palazzo.

 

Testo e regia di Emanuele Aldrovandi, con Giusto Cucchiarini, Eleonora Giovanardi, Luca Mammoli, Silvia Valsesia e Riccardo Vicardi, lo spettacolo è prodotto da Associazione Teatrale Autori Vivi, Teatro Stabile di Torino-Teatro nazionale in collaborazione con La Corte Ospitale – Centro di Residenza Emilia-Romagna.

 

In un mondo incastrato dentro ritmi frenetici e disumani, che sottraggono tempo al pensiero e all’introspezione, l’arrivo di un virus che trasforma le persone in tacchini blocca e distorce ogni cosa. Così, le due coppie protagoniste della storia, persone comuni, portatrici ognuna di una diversa posizione filosofica della vita, si ritrovano nell’androne di un palazzo assalite da domande, frustrazioni e paure.

 

L’estinzione della razza umana è una sorta di esorcismo, catartico e liberatorio, che ci aiuta a metabolizzare il nostro presente con ironia, lucidità e un pizzico di grottesco surrealismo, utilizzando un linguaggio tragicomico, con dialoghi affilati e serrati. “L’estinzione della razza umana” è "grottesco, comico, surreale e filosofico – come definito da Alan Mauro Vai su Teatrionline - che meraviglia e stupisce per la capacità di mettere a confronto punti di vista e visioni del mondo opposte e ragionevoli senza dare una risposta, ma generando dubbi, quei dilemmi esistenziali con cui tutti dobbiamo fare i conti". 

 

Prossimi appuntamenti. Le proposte del Teatro Capovolto proseguono sabato 11 agosto con il primo di otto appuntamenti dedicati al cinema, realizzati in collaborazione con Cineworld Trento. Alle ore 21, in Piazza Battisti verrà proiettato “Belfast”, pellicola diretta da Kenneth Branagh. Mercoledì 24 agosto, invece, torna il Teatro Antropocene in collaborazione con il Muse. In scena ci sarà “Cambiare il clima”, uno spettacolo/conferenza di Faber Teater.

 

Biglietti disponibili al costo di 10 euro, acquistabili alla biglietteria del Teatro Sociale e online sulla piattaforma del Centro servizi culturali Santa Chiara (Qui info).

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 24 settembre 2022
Telegiornale
24 set 2022 - ore 21:22
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 settembre - 13:15
Il leader di Azione ha detto la sua dopo i risultati delle elezioni politiche, nelle quali a livello nazionale il Terzo Polo ha ottenuto poco meno [...]
Politica
26 settembre - 12:37
L’analisi di Letta dopo la sconfitta del Partito Democratico: “Gli italiani hanno scelto la Destra, un giorno triste per l’Italia e [...]
Politica
26 settembre - 10:33
A livello di collegio Fratelli d'Italia doppia la Lega e stacca di quasi di due punti percentuali il Partito democratico. Il terzo polo davanti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato