Contenuto sponsorizzato

''Sul bel Danubio Blu'' e ''Una notte a Venezia'', torna la stagione dell'Operetta con il Centro servizi Santa Chiara

Si comincerà giovedì 3 febbraio con Sul bel Danubio blu portato sul palco dalla Compagnia Corrado Abbati, con la musica dal vivo eseguita dall’Orchestra del Conservatorio Bonporti di Trento. Adattato e diretto dallo stesso Abbati, l’opera è stata scritta poco più di 150 anni fa Johan Strauss figlio, diventando ben presto il manifesto di un’intera epoca

Pubblicato il - 08 gennaio 2022 - 12:31

TRENTO. All’interno della variegata offerta di spettacolo del Centro servizi culturali S. Chiara, torna la nuova Stagione di Operetta, articolata su due appuntamenti in programma al Teatro sociale di Trento, entrambi dedicati al genio compositivo di Johann Straussgiovedì 3 febbraio e giovedì 7 aprile 2022.

 

Si comincerà giovedì 3 febbraio con Sul bel Danubio blu portato sul palco dalla Compagnia Corrado Abbati, con la musica dal vivo eseguita dall’Orchestra del Conservatorio Bonporti di Trento. Adattato e diretto dallo stesso Abbati, l’opera è stata scritta poco più di 150 anni fa Johan Strauss figlio, diventando ben presto il manifesto di un’intera epoca.

 

Più che un semplice valzer, Sul bel Danubio blu è il simbolo di un mito che ancora oggi vive e si rinnova generazione dopo generazione. E’ un’espressione di buonumore, di voglia di vivere, di fare festa. E’ uno spettacolo pieno di gioia e di buon umore: caratteristiche tipiche di una delle più importanti espressioni di quell’epoca: l’operetta.

 

Sulle musiche di Strauss, Lehàr, Kàlmàn e Abraham, Corrado Abbati mette in scena uno spettacolo dove il ritmo della narrazione e l’armonia degli spunti melodici uniscono e fondono, in una sequenza di allegri e spensierati episodi, gli stilemi delle espressioni teatrali tipiche dell’epoca: dalla commedia all’operetta, dalla musica da ballo all’opera. "Uno spettacolo pieno di leggerezza e seduzione in cui, ballando un vorticoso valzer, può succedere anche di innamorarsi, perché questa è musica che scioglie i cuori e scalda l’anima", confessa Corrado Abbati.

 

Secondo appuntamento della Stagione di Operetta con un altro capolavoro di Strauss: Una notte a Venezia, proposto giovedì 7 aprile dalla Compagnia Teatro Musica Novecento, con la presenza dell’Orchestra Cantieri d’Arte diretta dal maestro Stefano Giaroli, e dell’Ensemble Vocale Continuum diretto dal maestro Luigi Azzolini, per la regia di Alessandro Brachetti.

 

Capolavoro dell’operetta viennese per la smagliante ricchezza dell’invenzione musicale, Una notte a Venezia (Eine Nacht in Venedig) è operetta di rara esecuzione soprattutto in Italia, perché il suo grandioso apparato “pittoresco” mette in scena una Venezia vista con gli occhi e le convenzioni dei viennesi dell’ottocento, esaltate dalla grande inventiva del Re del Valzer. Arie, duetti, ensemble di straordinaria bellezza attraversano questa Venezia di fantasia, solare e lunare, vista attraverso l’eleganza formale viennese, in cui, sullo sfondo pittoresco e carnascialesco della città, tutti sono felicemente coinvolti: tutti in maschera al grande ballo degli equivoci e dei travestimenti intorno alle brame galanti di un ricco libertino in viaggio di piacere.

 

Dall’incanto della partitura affiorano pagine di indimenticabile bellezza e sensualità: come l’allegretto d’entrata del Duca, come la canzone del gondoliere o (intrise di sorrisi, di sensualità, di leggerezza) come i finali d’atto o il quartetto “Ninanana, ninanana”.

 

Specialista assoluta dell’Operetta con i suoi meccanismi comico-musicali, la Compagnia Teatro Musica Novecento vanta con la sua lunga stabilità un’esperienza eccezionale in campo nazionale, grazie sia alle qualità musicali (con l’orchestra  live “in sala” diretta dal maestro Stefano Giaroli ed un valente e versatile cast vocale) sia per la smagliante messinscena di Alessandro Brachetti, per i sempre freschi allestimenti, per la brillantezza del corpo di ballo, la professionalità dell’assieme, l’efficienza collaudata da centinaia di successi nel panorama italiano dello spettacolo.  

 

Info biglietti e modalità di ingresso. E’ possibile sottoscrivere un abbonamento ai due spettacoli in calendario (Sul bel Danubio blu e Una notte a Venezia) ad un costo compreso tra i 15 e i 36 euro. Biglietti invece disponibili ad un prezzo tra i 10 e i 24 euro. Riduzioni previste per Under 26 e universitari.

 

La campagna abbonamenti prenderà il via sabato 8 gennaio con il rinnovo degli abbonamenti sottoscritti nel 2020 (poi non usufruiti). Da sabato 15 gennaio si potranno acquistare i nuovi abbonamenti, mentre i singoli biglietti saranno in vendita da sabato 22 gennaio, presso la biglietteria del Teatro Auditorium (lun-sab, 10-13, 15-19). Abbonamenti e biglietti disponibili anche online sulla Piattaforma Primi alla Prima a partire dal giorno stesso di inizio della vendita in biglietteria.

 

Si ricorda che fino al 15 gennaio per accedere all’evento è obbligatorio essere muniti del Green Pass rafforzato. Inoltre è previsto l’obbligo di indossare mascherine di tipo Ffp2. La richiesta di certificazione verde non verrà applicata ai minori di 12 anni o agli esenti dalla campagna vaccinale.

 

Per i bambini da 0 a 6 anni l’ingresso è consentito senza mascherina, dai 6 ai 12 anni è necessaria solamente la mascherina, mentre dai 12 anni in su è obbligatorio esibire Green pass rafforzato e indossare la mascherina chirurgica (o superiore). Non sono ammesse le mascherine di comunità. La certificazione verrà controllata dal personale addetto al momento dell’ingresso. In caso di indisponibilità del Green pass rafforzato non sarà possibile accedere agli spazi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 24 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 gennaio - 20:11
L'incontro si è svolto oggi, dopo che nelle scorse settimane la tematica è stata affrontata in diverse occasioni: l'Amministrazione ha confermato [...]
Cronaca
24 gennaio - 21:01
Fra pochi giorni un giudice dovrà stabilire se accogliere o meno il ricorso, presentato dai famigliari di Matteo Tenni, contro l’archiviazione [...]
Economia
24 gennaio - 20:17
Lettera aperta sottoscritta da numerosi gestori delle piscine in diverse zone del Trentino che non riescono più ad andare avanti. "Siamo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato