Contenuto sponsorizzato

''Ci hanno avvisato all'una di notte. Ora siamo senza lavoro''. Mercatone Uno chiude anche in Trentino, dramma per 35 lavoratori

I sindacati sono stati avvisati con un messaggio all'una di notte. Molte persone, invece, hanno saputo di non aver più un posto di lavoro questa mattina trovandosi davanti i cancelli chiusi. La Cgil: "Un dramma per intere famiglie". Solidarietà anche dal sindaco di San Michele 

Di Giuseppe Fin - 25 maggio 2019 - 15:40

TRENTO. A fine di marzo i sindacati avevano lanciato l'allarme sulla situazione molto grave dell'intera catena Mercatone Uno.

 

Quest'oggi ne è stato dichiarato il fallimento con la chiusura dei 55 punti vendita in tutta Italia. Una sorpresa amara per clienti ma soprattutto per i dipendenti molti dei quali hanno saputo solo poche ore fa del fallimento della Shernon Holding, la società che gestiva tutti i punti vendita.

 

La situazione, purtroppo, riguarda anche Trento. Nella nostra provincia, hanno già spiegato i sindacati, sono circa 35 i lavoratori che hanno perso il proprio posto di lavoro.

 

Poco più di un mese fa i sindacati avevano segnalato diversi problemi. Magazzini vuoti e merce non consegnata erano stati i primi campanelli d'allarme tanto da portare i sindacati a proclamare lo stato di agitazione per i dipendenti del punto vendita di San Michele.

 

L'email di fallimento, ha spiegato la Cgil, è arrivata all'una di questa notte. Nessun avviso era invece stato dato prima ai lavoratori che questa mattina hanno trovato il negozio chiuso.

 

“E' scandaloso – ha spiegato Alessandro Stella della Cgil – il metodo che è stato usato per comunicare il fallimento e la chiusura di tutti i punti vendita. Ci è arrivato un messaggino questa notte all'una e i lavoratori l'hanno saputo questa mattina quando si sono recati sul posto di lavoro ed hanno trovato il cancello chiuso”.

 

Dalla sera alla mattina intere famiglie sono rimaste senza un lavoro. “Non sappiamo cosa accadrà – ha continuato Stella – speriamo che si vada in amministrazione straordinaria riportando la situazione a prima dell'acquisto della Shernon. Non abbiamo nulla di sicuro e non sarà facile”.

 

A portare solidarietà ai lavoratori che questo pomeriggio si sono radunati davanti al Mercatone Uno di San Michele è arrivata anche la sindaca Clelia Sandri. “L'ho saputo da qualche ora – ha spiegato a ildolomiti.it – e oltre al brutto metodo usato per comunicare il fallimento, è un disastro per intere famiglie. Dopo l'ultimo acquisto si pensava che la situazione potesse risollevarsi ed invece oggi ci troviamo in una situazione drammatica e mal gestita”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:30

Zanella lascia l'assessorato comunale alla Mobilità e andrà in Consiglio provinciale: "Porterò avanti battaglie su diritti, parità di genere e migranti. Ma assieme a tutta la coalizione dobbiamo iniziare a costruire anche un progetto per il 2023"

24 novembre - 12:25

Tamponi antigenici e molecolari, a scuola c’è ancora confusione ma si fa largo l’ipotesi che i positivi ai test rapidi sfuggano dai conteggi per mettere le classi in quarantena. La lettera di una mamma: “Le maestre hanno il divieto tassativo di avvisare i genitori di eventuali contagi. Credo sia molto grave”

24 novembre - 13:53

Dal 4 dicembre, ha spiegato il presidente dell'Alto Adige, su le serrande anche di bar e ristoranti fino alle 18. In merito alla stagione invernale sono stati chiesti indirizzi precisi al Governo 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato