Contenuto sponsorizzato

I sindacati: ''Provincia e Apss si sono presentate alla trattativa impreparate. Nessuna risposta, pronti alla mobilitazione''

Nel corso della precedente riunione di contrattazione del 13 dicembre scorso Apran e Apss si erano impegnate a presentare una articolata proposta di accordo per il riconoscimento del tempo dedicato al cambio divisa, come previsto nel documento sottoscritto nell’agosto 2019 da tutte le organizzazioni sindacali con l'Azienda sanitaria

Pubblicato il - 27 gennaio 2020 - 19:42

TRENTO. "Inaccettabile comportamento dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari e la Provincia. Dopo un mese di stop della trattativa non sono stati in grado di darci costi e impatto organizzativo". Queste le parole di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, dopo la fumata nera dell'ultima trattativa in Apran di oggi, lunedì 27 gennaio. Tutte le sigle sindacali tra Cgil, Cisl Uil, Nursing up e Fenalt sono compatte nel malumore generale.

 

Nel corso della precedente riunione di contrattazione del 13 dicembre scorso Apran e Apss si erano impegnate a presentare una articolata proposta di accordo per il riconoscimento del tempo dedicato al cambio divisa, come previsto nel documento sottoscritto nell’agosto 2019 da tutte le organizzazioni sindacali con l'Azienda sanitaria.

 

"Dopo oltre un mese di attesa - commentano Cgil, Cisl e Uil, Nursing up e Fnalt - siamo stati convocati in Apran, senza però ricevere alcuna proposta formale su questa importante tematica: ribadiamo in modo congiunto e ancora una volta i contenuti della nostra proposta: il tempo di vestizione deve essere riconosciuto indistintamente dalla tipologia oraria di servizio a tutti i dipendenti che hanno l’obbligo di indossare la divisa".

 

Un tavolo di negoziazione particolarmente teso. "Apran e Apss - concludono i sindacati - si sono trincerate dietro a un atteggiamento di chiusura totale, invece di instaurare con noi una proficua discussione di merito. In caso di mancato accoglimento delle nostre proposte, siamo pronti ad adottare tutte le forme di protesta più opportune".

Il primo accordo prevede un riconoscimento delle operazioni di vestizione e svestizione della divisa degli operatori sanitari e degli operatori tecnici addetti all’assistenza, al supporto logistico, tecnico ed economale effettuate negli ultimi cinque anni. Sulla base delle timbrature registrate, Apss riconoscerà ai dipendenti fino ad un massimo di 1.000 euro lordi.

Il secondo accordo invece regola dal 1 settembre 2019 il cambio divisa degli operatori sanitari e degli operatori tecnici addetti all’assistenza che fanno turni sulle 24 ore e per ragioni di igiene e sicurezza devono indossare nella sede di lavoro una divisa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 febbraio - 12:15

Il candidato sindaco della destra nel tentativo di colpire l’amministrazione comunale di Trento offre involontariamente un assist ai suoi avversari: dallo scorso anno la macro area della giustizia-sicurezza è scesa dal 18esimo al 42esimo posto, anche se complessivamente la Pat guadagna due posizioni tornando sul podio

29 febbraio - 12:44

E' successo in via Innsbruck intorno alle 18, una jeep con a bordo una coppia di italiani è piombata a velocità altissima nel deposito degli autobus. In quel momento le stanghe erano alzate per consentire e agevolare l'entrata dei diversi mezzi tra fine e inizio turno, quando il veicolo è sopraggiunto a tutto gas senza badare ai segnali di divieto, ma anche alle indicazioni del lavoratore

29 febbraio - 09:22

La comunicazione del caso positivo è arrivata dalle autorità tedesche. La proprietaria della piccola struttura, risultata l’unica persona di stretto contatto del caso positivo, è stata posta in isolamento domiciliare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato