Contenuto sponsorizzato

I sindacati: ''Provincia e Apss si sono presentate alla trattativa impreparate. Nessuna risposta, pronti alla mobilitazione''

Nel corso della precedente riunione di contrattazione del 13 dicembre scorso Apran e Apss si erano impegnate a presentare una articolata proposta di accordo per il riconoscimento del tempo dedicato al cambio divisa, come previsto nel documento sottoscritto nell’agosto 2019 da tutte le organizzazioni sindacali con l'Azienda sanitaria

Pubblicato il - 27 gennaio 2020 - 19:42

TRENTO. "Inaccettabile comportamento dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari e la Provincia. Dopo un mese di stop della trattativa non sono stati in grado di darci costi e impatto organizzativo". Queste le parole di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, dopo la fumata nera dell'ultima trattativa in Apran di oggi, lunedì 27 gennaio. Tutte le sigle sindacali tra Cgil, Cisl Uil, Nursing up e Fenalt sono compatte nel malumore generale.

 

Nel corso della precedente riunione di contrattazione del 13 dicembre scorso Apran e Apss si erano impegnate a presentare una articolata proposta di accordo per il riconoscimento del tempo dedicato al cambio divisa, come previsto nel documento sottoscritto nell’agosto 2019 da tutte le organizzazioni sindacali con l'Azienda sanitaria.

 

"Dopo oltre un mese di attesa - commentano Cgil, Cisl e Uil, Nursing up e Fnalt - siamo stati convocati in Apran, senza però ricevere alcuna proposta formale su questa importante tematica: ribadiamo in modo congiunto e ancora una volta i contenuti della nostra proposta: il tempo di vestizione deve essere riconosciuto indistintamente dalla tipologia oraria di servizio a tutti i dipendenti che hanno l’obbligo di indossare la divisa".

 

Un tavolo di negoziazione particolarmente teso. "Apran e Apss - concludono i sindacati - si sono trincerate dietro a un atteggiamento di chiusura totale, invece di instaurare con noi una proficua discussione di merito. In caso di mancato accoglimento delle nostre proposte, siamo pronti ad adottare tutte le forme di protesta più opportune".

Il primo accordo prevede un riconoscimento delle operazioni di vestizione e svestizione della divisa degli operatori sanitari e degli operatori tecnici addetti all’assistenza, al supporto logistico, tecnico ed economale effettuate negli ultimi cinque anni. Sulla base delle timbrature registrate, Apss riconoscerà ai dipendenti fino ad un massimo di 1.000 euro lordi.

Il secondo accordo invece regola dal 1 settembre 2019 il cambio divisa degli operatori sanitari e degli operatori tecnici addetti all’assistenza che fanno turni sulle 24 ore e per ragioni di igiene e sicurezza devono indossare nella sede di lavoro una divisa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 14:12

Il Governo si è preso l’impegno di erogare i primi aiuti già a novembre: “Abbiamo previsto una serie di indennizzi per coloro che saranno penalizzati dalle nuove norme”. In arrivo nuovi contributi a fondo perduto, cancellata la seconda rata Imu e confermata la cassa integrazione

25 ottobre - 17:01

Il vicepresidente della Confesercenti, Massimiliano Peterlana, descrive la situazione del comparto terziario dopo il nuovo Dpcm. "Ci aspettavamo degli interventi puntuali e circoscritti alle situazioni dove le regole non vengono rispettate, anziché un intervento a tappeto che colpisce tutti indistintamente"

25 ottobre - 17:34

La Provincia di Trento ha deliberato su proposta dell'assessora Giulia Zanotelli di formare dei cacciatori che abbattano almeno 120 cormorani all'anno. Questi animali, esponenzialmente cresciuti di numero negli ultimi decenni, si nutrono infatti di pesci anche pregiati, come la trota marmorata, danneggiando la pesca

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato