Contenuto sponsorizzato

Corriere del Trentino e Corriere dell'Alto Adige in sciopero. La solidarietà della Cgil

L'azienda guidata da Urbano Cairo ha deciso di limitare a 5 mesi e 25 giorni all'anno la durata dei contratti a termine: "Questa scelta ha infatti l'obiettivo (dichiarato) di aggirare il cosiddetto 'diritto di precedenza' in caso di assunzioni a tempo indeterminato che vengono effettuate nei successivi 12 mesi"

 

 

Pubblicato il - 25 settembre 2017 - 17:06

TRENTO. Corriere del Trentino e del Corriere dell'Alto Adige sono oggi in sciopero, domani i due quotidiani non saranno in edicola. "Le redazioni di Trento e Bolzano lunedì si asterranno dal lavoro per la seconda volta in pochi mesi, ossia per la seconda volta in 14 anni di vita delle due testate", si legge nel comunicato stampa dei Comitato di Redazione.

 

"Durante il tavolo di confronto tra l'azienda e i dorsi locali del Corriere della sera - si legge nella nota pubblicata ieri - siamo stati informati delle nuove e più stringenti regole su tutti i tipi di contratti a termine. Regole che rischiano di minare non solo il destino dei colleghi oggi legati a queste tipologie di contratto, ma anche i fisiologici meccanismi di avvicendamento all'interno della redazione".

 

L'azienda guidata da Urbano Cairo ha deciso di limitare a 5 mesi e 25 giorni all'anno la durata dei contratti a termine. "Questa scelta ha infatti l'obiettivo (dichiarato) di aggirare il cosiddetto 'diritto di precedenza' in caso di assunzioni a tempo indeterminato che vengono effettuate nei successivi 12 mesi". 

 

"Significa - continua la comunicazione del Cdr - che ogni 5 mesi e 25 giorni due giornalisti su sette a Trento e due giornalisti su sette a Bolzano saranno colleghi 'nuovi' che, data l'impossibilità di assumere i collaboratori storici, non conosceranno né le redazioni, né il territorio". 

 

"Questa modalità di assunzione manifesta innanzitutto l'assoluta indifferenza per i destini personali dei colleghi che lavorano con noi ormai anche da 11 anni, professionisti che hanno maturato completa conoscenza giornalistica e conoscenza del territorio, che per questa'colpa' vengono ora allontanati". 

Domani, quindi, il Corriere del Trentino e il Corriere dell'Alto Adige non saranno in edicola. Alle redazioni è giunta la solidarietà della Cgil del Trentino e della Cgil-Agb dell'Alto Adige:

"Comprendiamo le ragioni della protesta delle due redazioni, che incrociano le braccia per tutelare la qualità del loro lavoro e, dunque, della nostra informazione".

 

"Va dato atto all'impegno di queste due redazioni che cercano di contrastare un piano che, al solo scopo di ridurre il costo del lavoro, condanna all'incertezza e all'instabilità validi professionisti che da anni collaborano con i cronisti e le croniste della redazione", scrivono Franco Ianeselli e Alfred Ebner.

 

"E' anche grazie alla loro professionalità - continuano - alla cura e alla sensibilità con cui danno voce ai nostri territori che il Corriere del Trentino e del Corriere dell'Alto Adige in questi anni hanno rappresentato un valido strumento di informazione, che ha fornito ai lettori una copertura obiettiva, completa ed equilibrata dei fatti".

 

"Confermiamo la nostra solidarietà a tutti i professionisti e ci auguriamo che possano esserci spazi per ristabilire condizioni di lavoro adeguate". Un augurio a cui si associa, con stima e solidarietà, anche ilDolomiti.it.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 16:07

Si sono concluse con il ritrovamento di una serie di oggetti, inviati ai Ris di Parma, le ricerche dei sommozzatori del Nucleo speciale dei carabinieri. Nel fiume Adige, però, nessuna traccia di Peter Neumair. Novità importanti emergono intanto dalle indagini

27 febbraio - 13:30

Ecco cosa dice la bozza del nuovo dpcm che sarà valido fino al 6 aprile. La zona rossa diventa più rossa con la chiusura anche di parrucchieri e barbieri quella bianca sempre più una realtà (dopo il caso della Sardegna) e prevede la riapertura praticamente di tutto (bar, ristoranti, cinema e teatri senza coprifuoco alle 22) eccetto fiere, congressi, discoteche e stadi. Resta il divieto di spostamento tra regioni ma novità per i musei

27 febbraio - 14:56

Mentre a livello nazionale dal 6 al 13 marzo sarà portata avanti questa importante iniziativa che si inserisce nella campagna più ampia ''Close the Gap – riduciamo le differenze'', e coinvolge le cooperative di consumatori, i soci, i dipendenti e i fornitori di prodotto a marchio, Coop Italia rilancia anche la petizione “Stop Tampon Tax – Il ciclo non è un lusso”. In Trentino la decisione se aderire o meno verrà presa lunedì

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato