Contenuto sponsorizzato

Ore di cassa integrazione in calo per il Trentino

Rapporto Uil: in Italia nel periodo gennaio - luglio 2016 le ore richieste raggiungono complessivamente 390,4 milioni per -7,6% rispetto allo stesso periodo del 2015. Valore più basso dal 2009. Loy: "Influisce il Jobs Act, nessuna ripresa del tessuto produttivo ed industriale"

Trentino: ore in calo di cassa integrazione.
Pubblicato il - 25 agosto 2016 - 11:22

TRENTO. 45,4 milioni di ore autorizzate di cassa integrazione in Italia nel mese di luglio, in questi primi 7 mesi dell’anno in corso e le ore richieste raggiungono complessivamente 390,4 milioni per -7,6% rispetto allo stesso periodo del 2015. Sono questi i dati dalla Uil nel suo rapporto annuale sulla cassa integrazione. Si tratterebbe, per il sindacato, del valore più basso dal 2009, anno in cui si registrarono 461 milioni di ore di cassa integrazione.

 

"I dati risentono certamente della riforma dell’istituto iniziata con la Legge 92/12  - spiega Guglielmo Loy, segretario Uil - che ha previsto la completa scomparsa della cassa in deroga dal prossimo gennaio 2017, con forte contrazione dei tempi di richiesta e delle risorse disponibili, sia di quella più recente contenuta nel Jobs Act. Difficile, viceversa, sostenere che la riduzione di richieste di cassa integrazione, sia attribuibile ad una ripresa del tessuto produttivo ed industriale".

 

Nel periodo gennaio - luglio 2016 a livello nazionale sono stati mediamente salvaguardati grazie alla cassa integrazione 328 mila posti di lavoro. Tale periodo, confrontato con il medesimo del 2015, mostra una riduzione delle ore di cassa integrazione ordinaria (-31,5%) e della deroga (-27,2%), a fronte di un aumento del 9,7% della straordinaria.

 

In giugno e luglio si assiste a una contrazione generale di ore nelle tre macro aree (-45,2% nel Mezzogiorno; -9,5% nel Nord e -3,3% nel Centro); la maggiore flessione si registra in Liguria con -75,9%, mentre Sardegna (+120,6%) e Alto Adige (+83%) vedono i maggiori aumenti. Il Trentino segue invece il trend nazionale e le ore autorizzate di cassa integrazione scendono del -36,8% con forti cali nei settori dell'edilizia e del commercio

 

"Da tenere in forte considerazione il possibile effetto restrittivo dei nuovi criteri di autorizzazione sia per la cassa ordinaria che per quella straordinaria. Infatti, il Jobs Act non limita solo la durata temporale della cassa integrazione (massimo 2 anni per cigo e cigs) ma restringe i parametri che consentono l'autorizzazione e, ancora più preoccupante, aumenta il costo per le imprese in maniera significativa con il rischio che, in molti così, le aziende optino per la scorciatoia della riduzione del personale", conclude Guglielmo Loy. 

 

DATI REGIONALI: VARIAZIONE % CASSA INTEGRAZIONE

PER SETTORE PRODUTTIVO

 

GIUGNO-LUGLIO 2016

REGIONI E PROV. AUTONOMEDiff%
Diff %

Industria

Diff %

Edilizia

Diff %

Artigianato

Diff %

Commercio

Diff %

Settori vari

Diff %

totale

Piemonte-6,7-46,1-53,8-86,1-86,3-27,4
Valle d'Aosta-98,8-37,1-100,00,00,0-65,3
Liguria-75,1-69,7-100,0-92,40,0-75,9
Lombardia22,830,7-5,3-39,27,914,3
Alto Adige883,1-62,4-100,0-100,00,083,0
TRENTINO-40,0110,1358.900,0-99,40,0-36,8
Veneto-17,0-24,3238,3-75,357,1-18,4
Friuli Venezia Giulia81,6-60,3-51,9-38,20,026,5
Emilia Romagna-11,1-40,7-0,8-76,2411,7-21,9
Toscana21,1-59,813,7-41,0205,82,3
Umbria147,2-15,3-19,5-60,9-68,866,8
Marche-47,319,48.222,858,475.000,04,4
Lazio-45,54,822,9-9,70,0-28,3
Abruzzo-6,5-6,8-22,4-74,286,9-26,7
Molise-61,9-70,00,01.050,40,0-54,0
Campania-46,4-18,5763.600,0-14,80,0-41,0
Puglia-78,6-54,1354,7-36,60,0-75,0
Basilicata-59,12,20,09.266,50,0-43,2
Calabria6,676,90,092,10,024,2
Sicilia-72,814,00,060,10,0-41,0
Sardegna611,113,9-96,1-94,5-79,6120,6
ITALIA-18,2-21,751,7-41,926,3-19,3

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 dicembre - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 dicembre - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato