Contenuto sponsorizzato

Dopo oltre un anno la Fondazione Mach ha un Consiglio d'amministrazione definitivo e ritorna nella governance anche il mondo agricolo

La riforma voluta dalla Provincia ha ridotto il numero delle sedie nel Consiglio d'amministrazione e la componente agricola non aveva trovato un accordo sui nomi da proporre in piazza Dante. A gennaio 2021 era stato avviato un Cda provvisorio, ora si è chiusa questa, lunga, parentesi e la governance entra pienamente in funzione

Di Luca Andreazza - 27 maggio 2022 - 13:42

TRENTO. Dopo più di un anno è stata trovata una soluzione per il Consiglio d'amministrazione della Fondazione Mach. Partito in forma provvisoria e senza la rappresentanza del mondo agricolo, il vertice dell'istituto a San Michele all'Adige ha ora una composizione definita.

 

Negli scorsi giorni è arrivata la nota della Federazione della Cooperazione e delle organizzazioni professionali agricole, con la quale venivano comunicati alla Provincia i nominativi scelti dagli stessi. L'esecutivo in piazza Dante ha provveduto poi alla nomina definitiva del Cda della Fondazione Mach. 

 

Il presidente è Mirco Maria Franco Cattani; poi siedono nel Consiglio d'amministrazione Angelo Frascarelli e Ilaria Romagnoli (nomina diretta della Pat), Roberta Raffaelli (componente designato dalle minoranze del Consiglio provinciale), Gianluca Barbacovi, Michele Cova, Goffredo PasolliClaudio Valorz (componenti designati dalle organizzazioni professionali agricole e dall'associazione di rappresentanza del movimento cooperativo trentino). 

 

In particolare Romagnoli prende il posto di Andrea Merz che, a seguito della nomina a dirigente del Servizio agricoltura, ha rassegnato le proprie dimissioni dal Cda della Fondazione Mach.

 

Si è così chiusa la (lunga) parentesi del Cda provvisorio avviata a inizio dell'anno scorso (Qui articolo) quando era stato registrato uno strappo tra le varie componenti dell'ente di San Michele all'Adige. Un pasticcio che è apparso politico per la voglia di portare avanti a tutti i costi una riforma che ha portato alla spaccatura con il comparto agricolo che è uscito momentaneamente dalla governance per trovare i giusti equilibri. 

 

L'assessorato guidato da Giulia Zanotelli aveva deciso di portare avanti un nuovo assetto con la riduzione delle sedie in Cda; un cambio di paradigma con i sei sindacati, cioè ColdirettiCia, Confagricoltura, Act-Associazione contadini trentiniAcli Terra Federcoop, a dover trovare una condivisione per i 4 posti a disposizione (Qui articolo).

 

I sindacati hanno faticato a trovare una quadra sui nominativi da proporre alla Provincia, una spaccatura che ha portato a nominare, per la prima volta nella storia, un Cda provvisorio. Ora il nodo è stato sciolto e può entrare in attività il nuovo Consiglio d'amministrazione nella sua interezza e con piena funzionalità e rappresentatività, con il mondo agricolo che rientra a far parte della governance.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato