Contenuto sponsorizzato

Rispunta Gios e Futura presenta 'Ghezzi presidente'. Ecco i 51 i simboli depositati per le elezioni

Tra i contrassegni anche Donatella Conzatti con Restart e il Popolo della Famiglia che corre in 'bicicletta' con Noi per il Trentino di Tarolli (che dovrebbe sostenere Rossi)

Pubblicato il - 10 settembre 2018 - 19:08

TRENTO. Sono stati presentati 51 simboli elettorali, anche se non è detto che saranno altrettanti sulla scheda. Molti hanno depositato il contrassegno soltanto per evitare che qualcuno si impossessi dell'immagine e dello slogan, per precauzione. Come il Patt, che ha blindato ogni immagine contenente le stelle alpine.

 

Panizza ha fatto registrare il simbolo del Patt, quello con le stelle alpine e l'acronimo scritto in basso. Ma ha voluto tutelare anche le due stelle alpine, e anche le tre stelle alpine. E anche la sua storia: il simbolo dell'Asar e quello del PPTT UE, sia con la scritta semplice che con la specificazione 'Autonomia Trentino Tirolese'.

 

Di autonomisti, poi, ce ne sono altri. A cominciare dalla prima formazione che ha depositato i simboli, quella di Paolo Primon che ha presentato il contrassegno di Popoli liberi. Ma c'è anche Autonomia dinamica di Mauro Ottobre e Autonomisti popolari di Walter Kaswalder. 

 

Anche l'associazione Fassa ha voluto difendersi, presentando tutte le ipotesi di contrassegno: Moviment ladin de Fassa, Civica Fassa, Movimento civico Fassa, Movimento ladino Fassa, Adum con Fassa. Questo per evitare che qualcuno potesse prendersi il nome, che in fondo è quello di una valle. E nella per la stessa valle c'è anche la Ual, l'Union autonomista ladina, e il Moviment ladin de Fascia

 

Ci sono poi i simboli delle liste personali, come TRE, quella di Roberto de Laurentis. I simboli che lui presenta sono due: uno con la sola scritta TRE e l'altro con l'aggiunta di De Laurentis presidente. Ma a sorpresa, che sembrava si fosse fatto da parte, c'è anche Geremia Gios che presenta il contrassegno della sua Rivoluzione felice e della Civica per Gios. Non significa che correrà con una lista, ma non si sa mai. 

 

Anche i socialisti hanno due contrassegni, uno con la specificazione 'Riformisti per l'Italia'. I Verdi invece ne hanno uno, il sole che ride. Così il PD, l'Upt, Casapound, la Lega, Civica Trentina, Agire per il Trentino, Progetto Trentino, il Movimento 5 Stelle (c'è un XII Stelle ma con i grillini non c'entra nulla).

 

Ci sono poi i partiti che presentano l'originale e la variante con 'Fugatti presidente': Forza Italia, Fratelli d'Italia e Udc. E partiti e movimenti outsider, come La bussola del Trentino, Etica, il Fronte sovranista italiano, la Catena, quella di Franco Bruno che propone un programma dirompente: basta profughi, basta droga e se va male è tutta colpa delle donne

 

C'è la formazione di Ivo Tarolli 'Noi per il Trentino', che sembra voglia sostenere Ugo Rossi per la presidenza. Oltre a questo simbolo Tarolli ha presentato anche una 'bicicletta', due simboli contenuti in un unico contrassegno: Noi per il Trentino con il Popolo della Famiglia, il partito di Mario Adinolfi contrario a gay, aborto, divorzio, siti portno e preservativi. Nella 'bicicletta', in basso, si legge la parola Etica, che compare anche in un altro simbolo.  

 

Tra i contrassegni spunta anche Donatella Conzatti con il simbolo del suo think-thank 'Restart-Trentino POP'. E la sinistra, con L'altro Trentino a sinistra. C'è anche Primavera trentina, il gruppo che ha dato vita all'avventura di Paolo Ghezzi. Il simbolo ufficiale che lo sosterrà alle elezioni è quello di Futura 2018 e per non sbagliare i contrassegni presentati sono tre: Futura 2018 'partecipazione e solidarietà', poi Futura 2018 con Paolo Ghezzi e l'ultimo, che non si sa mai cosa succeda, Futura 2018 con Paolo Ghezzi presidente.  

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 11:30

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato