Contenuto sponsorizzato

Bruno Vespa attacca Ong e Medici senza frontiere: ''Con i migranti c'erano ora sono scomparse''. Ma da settimane sono in prima linea

Da quasi due settimane Medici senza frontiere è operativa, per esempio, a Codogno dove il direttore del locale ospedale spiegava che ''l’affiancamento di Msf è molto importante, stiamo già imparando molto''. Emergency Trento rilancia che da Milano a Brescia a Bergamo operatori sono al lavoro per consegnare pasti e assistere medici e infermieri: ''Evitare di diffondere calunnie potrebbe essere già un bel contributo''

Di L.P. - 23 marzo 2020 - 13:08

TRENTO. ''Quando abbiamo registrato il primo caso, il virus era già in circolazione. Adesso per noi è importante gestire questa epidemia ed evitare nuovi contagi. L’affiancamento di Medici senza frontiere è molto importante, stiamo già imparando molto''. Così parlava il direttore dell'ospedale di Codogno come noto il luogo dove si è sviluppato il primo focolaio lombardo, Andrea Filippin dove da quasi due settimane il team dell'Ong Medici senza frontiere (composto da medici, infermieri ed esperti di igiene) lavora fianco a fianco con le équipe della struttura, dal personale sanitario allo staff dedicato alle pulizie, al fine di condividere la propria esperienza nella gestione di un’epidemia.

 

E poi c'è Emergency che è a Milano sta consegnando pasti, alimentari, farmaci e beni di prima necessità agli over 65, alle persone in quarantena e alle persone fragili. ed è stata autorizzata dalla protezione civile a collaborare nella gestione dell’epidemia. ''Siamo stati contattati da diverse realtà sanitarie di alcune regioni italiane - spiegano sui loro canali ufficiali -. Al momento stiamo lavorando con la Direzione sanitaria dell’ospedale di Brescia per proteggere il personale sanitario e l’ospedale dal contagio''. Ma non è tutto è arrivato il via libera ad operare con 10 medici e sanitari nell’ospedale da campo di Bergamo e a fornire supporto didattico/logistico ai medici dell’ospedale di Brescia con altre 4 unità, al lavoro sin da oggi. 

 

E il 12 marzo, quindi undici giorni fa, Medici senza Frontiere è già all'opera in queste strutture.

 

 

 

Insomma le Ong ci sono eccome, al contrario di quanto circola in rete in queste ore, cercando facili contrapposizioni e strumentali polemiche, e anche di quanto detto da Bruno Vespa con una video postato su Facebook dove dice: ''Ricordate Medici senza frontiere? Quando dovevano soccorrere i migranti facevano bene, lo facevano con le loro navi e la scritta ‘Medici Senza Frontiere’ era molto visibile sulle loro tute. Adesso sono scomparsi. O meglio, forse sono nascosti nelle corsie di Bergamo, di Brescia, di Cremona. Forse non vogliono far sapere che sono lì e stanno lavorando eroicamente?”. 

 

 

E sono le stesse Ong a spiegare, a questo punto, che ci sono in prima linea, come al solito, come hanno sempre fatto in qualsiasi parte del mondo: ''Non siamo soliti parlare di quello che fanno altre organizzazioni - spiega Emergency Trento sulla sua pagina Facebook - ma, siccome la cita, sappiamo che anche Medici Senza Frontiere sta lavorando contro il Covid-19 nel lodigiano. In un momento drammatico per l’Italia, cerchiamo di fare tutti la nostra parte. Evitare di diffondere calunnie potrebbe essere già un bel contributo''.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 aprile - 11:52

Il caso è successo nelle Giudicarie Esteriori. A segnalare la presenza del Taxi alle forze dell'ordine dei residenti e la polizia locale ha intercettato il mezzo

03 aprile - 12:38

Il capo della Protezione civile ha spiegato a Radio1 e Radio Capital che la fase-2 potrebbe partire a metà maggio. Il rischio è che come in Cina ci sia un effetto di ritorno del virus e comunque il coronavirus ''cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze''

03 aprile - 11:39

Fabrizio Iellici di Ziano di Fiemme è deceduto ieri. Da sempre in prima linea nei progetti di solidarietà portati avanti in tutta Italia da parte delle penne nere 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato