Contenuto sponsorizzato

Elezioni, dai "santini" della lista nascono fiori: "A prova di maleducato: se gettati a terra, esce comunque qualcosa di buono"

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Di Arianna Viesi - 22 settembre 2020 - 17:37

BRENTONICO. Elezioni fa rima, da sempre, con manifesti elettorali, brochure e "santini".  Gli slogan che campeggiano sulle bacheche delle nostre città e i volti dei candidati che fanno capolino dalla cassetta delle lettere non sono certo invenzione moderna.

 

Le pareti delle case di Pompei, che l'eruzione del Vesuvio ci ha consegnato pressoché intatte, conservano decine e decine di scritte di questo tenore. Lasciare messaggi a sostegno di un candidato (o per denigrarne un altro) era una pratica molto diffusa. E a ben guardare le cose, nei secoli, non sono cambiate poi tanto. Nelle concitate settimane che precedono la chiamata alle urne le nostre città si coprono (letteralmente) di carta. Ogni lista fa stampare migliaia di volantini e i candidati distribuiscono a destra e a manca i loro "santini": foto d'ordinanza, simbolo della lista, una croce a sbarrarlo e il proprio nome. Ci sono cose, insomma, che rimangono sempre uguali a se stesse. La campagna elettorale oggi si fa anche, forse soprattutto, sui social, certo. Ma la carta, comunque, non manca mai.

 

Manifesti, locandine, santini comportano, ovviamente, anche un investimento economico non irrisorio. Ma, al di là del bilancio (che qui poco importa), tutti avranno potuto constatare come quest'ammasso di carta - per l'inciviltà e la maleducazione di alcuni - finisca troppo spesso a terra: sui marciapiedi, nei parchi, straborda dai cestini.

 

Certo, difficile immaginare un'alternativa (e sarebbe da capire anche se, e quanto, una campagna elettorale portata avanti a suon di volantini sia effice). C'è una lista, però, che una soluzione, coerente anche con la propria proposta, ha provato a trovarla. Naturalmente Brentonico, lista civica a sostegno del neo-rieletto sindaco Christian Perenzoni (QUI ARTICOLO), è nata infatti dall'esigenza di portare l'attenzione, anche a livello locale, su alcune questioni irrinunciabili.

 

"Come lista - spiegano - crediamo che una svolta ecologica anche a livello locale sia molto importante sia per la salute dell'ambiente che dei cittadini. Naturalmente Brentonico vuole essere il terreno fertile dove far crescere questa cultura ecologista, dove coltivare un futuro migliore per il nostro altipiano".

 

I loro intenti non si sono fermati alle parole ma si sono concretizzati in azioni, dal forte valore simbolico, già durante la campagna elettorale. La lista, infatti, ha scelto all'unanimità di non stampare i canonici "santini" (fatto salvo per un candidato che ha optato, autonomamente, per questa strada) ma ha preparato e distribuito dei biglietti da visita di lista molto speciali.

 

"Abbiamo pensato - continuano - invece di distribuire dei normali bigliettini da visita di utilizzare una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può cosi essere 'piantato' sotto un sottile strato di terra per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori. Un modo per dare una seconda vita al nostro messaggio e per permettere a tutti di coltivare (simbolicamente) assieme a noi una società più attenta all’ambiente. E se qualche maleducato buttasse per terra il bigliettino da visita ne nascerebbe comunque qualcosa di buono".

 

La lista ha stampato,e distribuito, anche delle brochure. Come si diceva, è difficile immaginare un'alternativa che preveda la completa abolizione della carta durante la campagna elettorale. Con questi bigliettini "piantabili", però, Naturalmente Brentonico ci ha provato. E il risultato pare straordinario: anche a prova di "maleducato".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato