Contenuto sponsorizzato

Nuova telecabina a Pinzolo. Semaforo verde della Provincia alla deroga del Prg del Comune. Ma la società impianti non poteva assumersi l'investimento a Bolbeno?

Un piano da quindici milioni di euro messo a punto dalle Funivie Madonna di Campiglio e per il quale il Comune di Pinzolo aveva chiesto martedì 24 settembre l'autorizzazione a realizzarlo in deroga alle norme di attuazione del Piano regolatore generale. Un altro ok era arrivato a maggio sul piano complessivo. Ma visti tutti questi via libera, la Pat non poteva chiedere alla società impianti non poteva investire anche a Bolbeno?

Di Luca Andreazza - 17 gennaio 2020 - 19:25

TRENTO. Semaforo verde della Giunta provinciale e arriva la deroga per il Comune di Pinzolo. Via libera alla nuova telecabina a 10 posti "Fortini-Pradalago" per sostituire l'attuale seggiovia quadriposto, un progetto che prevede anche una nuova area parcheggio da destinare a zona interscambio pulmini. 

 

Un piano messo a punto dalle Funivie Madonna di Campiglio e per il quale il Comune di Pinzolo aveva chiesto martedì 24 settembre l'autorizzazione a realizzarlo in deroga alle norme di attuazione del Piano regolatore generale. Oggi, venerdì 17 gennaio, la Giunta provinciale, con una delibera del vicepresidente, Mario Tonina, ha dato il proprio assenso alla richiesta avanzata dal Comune della Val Rendena.

 

Una nuova telecabina che si è resa necessaria in quanto l'attuale seggiovia ha una portata non risponde più alle esigenze per il numero di passaggi. Il nuovo parcheggio, inoltre, porterà a un incremento della sicurezza, dato che l'attuale area si trova in prossimità alla strada provinciale. Particolarmente rilevante risulta essere la ridistribuzione dei flussi degli sciatori sulla zona Fortini con lo spostamento della stazione di valle della nuova telecabina sul lato opposto della strada statale 239. Anche il Consiglio comunale di Pinzolo si era espresso favorevolmente.  

 

Un progetto che dovrebbe prevedere la sostituzione e il potenziamento di due impianti, Fortini e Nube d'oro, per un'operazione intorno ai 15 milioni di euro. L'ipotesi è quella di partire subito, il cantiere dovrebbe iniziare appena archiviata la stagione per svolgere i lavori in primavera e farsi trovare pronti per il prossimo inverno. L'impianto Nube d'Oro (sei posti in sostituzione della biposto) ricade sulla proprietà delle Regole, mentre per Fortini si sono resi necessari più incartamenti in quanto l'arrivo si trova sul Comune di Bocenago. 

 

Il progetto delle Funivie Madonna di Campiglio prevede la realizzazione di un tratto ex novo di pista lungo 150 metri, una sorta di unione tra due tratti già esistenti, oltre alla sistemazione della storica pista da sci "Nube d’Argento". La delibera di piazza Dante per l'ok era arrivato già a maggio scorso in questo senso. 

 

Anche alla luce delle decisioni, legittime, della Provincia che risponde alle esigenze di un territorio, piazza Dante avrebbe potuto richiedere alla società impianti di farsi carico dell'investimento da 4 milioni a Bolbeno, un'azione totalmente lecita e legittima anche in questo caso. "Questa infrastruttura si colloca in un ambito turistico che con le vicine stazioni di Pinzolo e Madonna di Campiglio realizza un totale di circa 1,5 milioni di presenze annue". Così aveva spiegato l'assessore Roberto Failoni le motivazioni della Giunta per il restyling del Centro sci insieme alla volontà di promuovere e sostenere le palestre.

 

Le presenze annue per l'Azienda per il turismo Madonna di Campiglio, Pinzolo, Val Rendena certificate nelle strutture ricettive alberghiere e extralberghiere dal servizio statistica della Provincia dicono 1.332.820 pernottamenti nel 2018. Dunque, solo le restanti 200 mila circa sarebbero appannaggio dell'ambito nel quale gravita Bolbeno. Ma si parla di Trentino e quindi non è giusto limitarsi ai confini territoriali di Apt, Consorzi e Pro Loco. 

 

E due anni fa la società impianti aveva messo sul piatto dieci milioni, mentre Trentino Sviluppo, era corsa in soccorso con 21 milioni di euro tra le forme di prestito obbligazionario (10 milioni) e quelle di prestito obbligazionario convertibile (11 milioni) per il salvataggio della compagine Folgarida-Marrileva dopo il crac e la costituzione di una newco. Insomma, l'azienda sarebbe potuta intervenire per incorporare l'impianto che insiste a Borgo Lares.

 

Non solo, l'assessore si era tolto un sassolino nel rispondere al sindaco Roberto Oss Emer. "E' sbagliato - aveva detto Failoni - fare raffronti tra due comparti completamente diversi – l’edilizia scolastica e gli impianti a fune – così come mettere in competizione un territorio con un altro". Ma poiché è sbagliato mettere in competizioni comparti e territori, intanto, dice che negli ultimi quattro anni la Provincia ha investito sulla Panarotta quasi 6 milioni di euro.

 

Abbastanza vero, non si discute, sono circa 4 milioni più altri due promessi per il nuovo bacino artificiale in Valsugana. Ma si mette in contrapposizione un Centro sci che si articola in due tracciati da 500 metri di lunghezza e uno skilift a quasi 600 metri d'altitudine con un comprensorio, che non sarà Courmayeur e che è comunque chiamato a riflettere sul futuro in ottica cambiamenti climatici, ma che si sviluppa tra i 1.500 e i 2.000 metri per 18 chilometri di piste e tre impianti. Pari i tapis roulant, 2 a 2.  

 

"Ricordo infatti a questo proposito che già nel 2015 - aveva spiegato l'assessore - considerate le difficoltà finanziarie della società Nuova Panarotta S.p.A. è stato siglato un accordo fra Provincia di Trento, Trentino Sviluppo, i Comuni di ambito e i principali operatori locali per rilanciare la stazione, avviando un'operazione che ha comportato per la sola Provincia  l'impegno di 1,7 milioni di euro nel 2016, 1,9 milioni di euro nel 2017/2018 e 400 mila euro nel 2019. Nel 2020, come noto, è previsto inoltre l’avvio della progettazione del nuovo bacino di innevamento della Panarotta, con un budget di circa 2 milioni di euro".

Si puntualizza che nel caso della Panarotta la compartecipazione dei territori è stata praticamente nulla, a differenza di Bolbeno. I Comuni nelle Giudicarie sono tutti  d'accordo, tanto che il Comune di Borgo Lares e il Bim del Sarca hanno stanziato per l'ampliamento dell'area sciabile 1,5 milioni di euro (gli altri 2,5 sono messi da Trentino Sviluppo), ma le risorse sembrano esclusivamente di derivazione pubblica e la componente imprenditoriale non ci mette nulla (diversamente dalla Panarotta), mentre il vantaggio sembra quindi tutto privatistico in questa operazione.

 

E se vogliamo allargare l'orizzonte e adeguarci al metro di giudizio dell'assessore, la precedente Giunta ha investito quasi 105 milioni nel comparto neve attraverso il piano strategico di Trentino sviluppo. In quale zona? Escludiamo i 3 milioni in Panarotta già anticipati. Ci sono circa 12 milioni a Folgaria, altrettanti a San Martino di Castrozza e una decina in Fassa. Il grosso? Quasi 50 milioni proprio tra Campiglio e Pinzolo per i collegamenti tra le due località (28 milioni), verso Folgarida (21 milioni) e il bacino artificiale pinzolero da quasi 2 milioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

18 febbraio - 07:55

La Corte dei Conti ha citato a giudizio la dirigente comunale Clara Campestrini. Sui finanziamenti assegnati dal Comune di Trento all'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi ci sarebbe poca chiarezza 

17 febbraio - 19:45

I sindacati Cgil, Cisl e Uil intervengono dopo i primi dati che emergono a seguito dell'applicazione dei 10 anni di residenza quale criterio per accedere alle case Itea: -15% in termini di assegnazione e -20% nel sostegno degli affitti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato