Contenuto sponsorizzato

Dopo i 4 milioni a Bolbeno, Oss Emer: ''E non trovano 6/7 milioni per la scuola media o le cinque elementari. Chiederemo una telecabina, avremo più chances''

Il sindaco di Pergine si affida ai social dopo il semaforo verde della Giunta Fugatti a investire 4 milioni di euro per il restyling di Bolbeno: "Non me ne vogliano nelle Giudicarie, ma non posso star zitto"

Di Luca Andreazza - 22 dicembre 2019 - 14:01

PERGINE. "Chiederemo un finanziamento per la telecabina dal Tegazzo alla Croce. Avremo più chances". Così Roberto Oss Emer, sindaco di Pergine, dopo il semaforo verde della Giunta Fugatti da quattro milioni di euro per il profondo restyling del Centro sci di Bolbeno (Qui articolo).

 

Un investimento da circa 4 milioni di euro per ammodernare l'area con una nuova seggiovia quadriposto e per prolungare la pista esistente, così da renderla omologabile Fis. E ancora realizzare un impianto di innevamento programmato, quello di illuminazione, e le spese di progettazione. Non un lifting, ma un profondo restyling per Bolbeno, la pista da sci tra le più basse d'Italia a soli 575 metri d'altitudine.

 

Le ragioni? Oltre 200 mila passaggi in stagione invernale e 800 bambini che si recano a Bolbeno per  muovere i primi passi e seguire i corsi di sci. Una realtà importante tra volontariato e sociale, la capacità di fare rete tra oltre 40 amministrazioni comunali, che nessuno discute, ma si interviene con ampie risorse e poco importa il cambiamento climatico o la localizzazione dell'area a 575 metri d'altitudine.

 

L’investimento nel progetto dell’area sciabile di Bolbeno è un tassello che sarà inserito dalla Provincia nel Piano triennale 2020/2022 di Trentino Sviluppo a favore anche dell’industria della neve. In recepimento delle nuove linee strategiche date dalla Giunta provinciale alle società di sistema si inserisce nel capitolo degli interventi di sostegno per le "palestre dello sci", quelle aree sciistiche di strategico interesse per le comunità locali, ma che per dimensioni e scarsa altitudine rischiano di "soffrire" le condizioni climatiche più di altre.

 

E non ci sta il primo cittadino perginese. "Non me ne vogliano gli abitanti delle Giudicarie - spiega il sindaco sul profilo Facebook - valli ricche di impianti, decine di chilometri di piste da sci, neve grazie alla particolare dislocazione, un turismo ricco con tutte le ricadute, patria di ottimi imprenditori, albergatori all’avanguardia, ma non posso stare zitto".

 

Risorse che farebbero comodo anche in Valsugana. "Per Bolbeno - conclude Oss Emer - trovano 4 milioni di euro perché 800 bambini possano andare a muovere i primi passi sulla neve per tre mesi all’anno, mentre per Pergine e gli altri 5 comuni dell’ambito non si trovano i 6/7 milioni per ristrutturare o ricostruire la scuola media datata 1970 che ospita 400 ragazzi. Non si trovano nemmeno le risorse chieste più volte dal 2013 al 2019 per mettere a norma le cinque scuole elementari. Chiederemo un finanziamento per la telecabina dal Tegazzo alla Croce. Avremo più chances".


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 gennaio - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato