Contenuto sponsorizzato

Politiche, al via la campagna elettorale del Movimento 5 stelle in Trentino: ''Determinanti come mai negli ultimi 30 anni ma serve un cambiamento radicale''

Il Movimento 5 stelle con Alex Marini e Riccardo Fraccaro hanno presentato i candidati pentastellati: "Tante proposte sono state criticate: il superbonus, il taglio dei parlamentari o il reddito di cittadinanza. Ma alla fine anche gli altri partiti hanno seguito questa linea: il governo Draghi è stato di conservazione, non ha fatto nulla di nuovo. Il Pnrr è stato sviluppato nel corso dell'esecutivo di Conte"

Di Luca Andreazza - 25 agosto 2022 - 20:38

TRENTO. "Ci presentiamo per realizzare gli obiettivi e combattere per le idee. Abbiamo avuto un ruolo importante all'opposizione e in maggioranza". Così Alex Marini, consigliere provinciale del Movimento 5 stelle del Trentino, avvia la campagna elettorale in vista delle politiche del 25 settembre. "L'80% delle proposte sono state portate a termine e un'analisi di questo tipo è in controtendenza rispetto agli altri partiti che non valutano mai quanto fatto: anzi, ripropongono sempre le stesse promesse. E' nostra intenzione difendere la Repubblica parlamentare dai tentativi della destra di modificare la costituzione, come nei casi di Berlusconi e di Renzi. E anche dal 2022 e nel corso della prossima legislatura intendiamo continuare lungo questo percorso".

 

Presente anche Riccardo Fraccaro, già sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri nel governo Conte II, segretario dell'ufficio di presidenza della Camera dei deputati, questore della Camera dei deputati e ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta nel governo Conte I.

 

"E' un momento delicato - commenta Fraccaro - perché cambio di nuovo la mia vita: entro in una nuova fase, smetto di essere parlamentare e sarò un portavoce. Un bagaglio di esperienza che metto a disposizione per l'inizio del percorso dei nuovi candidati. E' la fine di un percorso bello, un momento straordinario in cui sono riuscito a incidere da protagonista, un'esperienza molto avvincente. Avevamo un sogno: cambiare il Paese e siamo riusciti a incidere come mai fatto in politica negli ultimi 30 anni. Tante proposte sono state criticate: il superbonus, il taglio dei parlamentari o il reddito di cittadinanza. Ma alla fine anche gli altri partiti hanno seguito questa linea: il governo Draghi è stato di conservazione, non ha fatto nulla di nuovo. Il Pnrr è stato sviluppato nel corso dell'esecutivo di Conte. Il compito, come cittadini, però non è terminato, abbiamo inciso ma in 5 anni non siamo riusciti a trasformare l'Italia e serve un cambiamento radicale".

 

La guerra in Ucraina e le tensioni geopolitiche, l'aumento dei prezzi e le tante incertezze ancora all'orizzonte. "C'è alle porte un inverno che non sappiamo ancora come affrontare. Poi - continua Fraccaro - c'è il problema che il pianeta non è più sostenibile a causa del riscaldamento globale: vogliamo essere il vero partito verde in Italia e in Europa. Dobbiamo dire stop alle Co2 o non avremo più una società. Questa consapevolezza oggi manca: serve una politica industriale, si deve raggiungere un'indipendenza energetica e rinnovabile. Risolvere i problemi del futuro, consente di risolvere quelli di oggi. Tra 50 anni il clima di Roma sarà come quello di Tunisi e le terre saranno inevitabili entro fine secolo. All'inizio della nostra storia siamo stati pesanti, aggressivi e talvolta offensivi, però non ci ascoltava nessuno. Oggi invece possiamo indicare la strada e segnare le politiche dei prossimi 5 anni: Draghi ha combattuto le nostre conquiste e merita di andare a casa".

 

Sono stati presentati i candidati trentini del Movimento 5 stelle alle prossime elezioni. Senato: Paolo Minotto (per il collegio di Trento); Giulio Angelini (Rovereto) e Rosa Michela Rizzi (Pergine); Camera: Rudi Tranquillini (Trento) e Maurizio Dal Bianco (Rovereto). Proporzionale: Rudi Tranquillini, Monica Rizzuto e Maurizio Dal Bianco. 

 

"E' sempre il momento per fare la cosa giusta. Dobbiamo avere idee radicali nel senso di avere coraggio. Tra le priorità poi deve esserci uno Stato che si deve prendere cura di chiunque: deboli, fragili e anziani. Poi serve una riforma organica della Giustizia: Bonafede aveva indicato una strada ma la legge è molto cambiata con Cartabia. Inoltre non abbiamo paura di votare proposte di altre forze politiche, se sono per il bene del Paese. Siamo tra i partiti che fanno, siamo dalla parte del fare", spiega Rosa Michela Rizzi, mentre Paolo Minotto aggiunge: "Dobbiamo puntare su una società civile inclusiva, migliorare il trasporto pubblico per i disabili in primis. Non vogliamo l'abbonamento gratis ma servizi che funzionano: si deve ribaltare il sistema. Nel mio caso il reddito lordo è di circa 650 euro/mese: devo pagare una persona a tempo pieno e vivere. Le persone con disabilità 74-99% è dimenticata a 290 euro. Non è un sistema civile. Poi si deve pensare al recupero e alla ristrutturazione di immobili pubblici per rifugi protetti per disabili. Ora posso andare solo in casa di riposo ma non è un ambiente adatto. A Dro c'è un progetto avviato 3 anni fa per riqualificare la vecchia Rsa ma dalla Provincia non arrivano risposte".

 

Sono stati toccati anche alcuni punti del programma dei pentastellati. "C'è il movimento, ancora prima delle individualità e ci sono le garanzie del rispetto delle regole. Ovviamente come tutte le persone, abbiamo i nostri limiti e le nostre abilità ma lavoriamo per i cittadini. Il movimento vale più di noi. Un tema importante è quello dello sport: il centrodestra vuole creare i nuovi Abbagnale ma il punto non è quello di creare i fenomeni del futuro. Invece dobbiamo proteggere i giovani perché l'obiettivo è valorizzare le passione. Un progetto in questo senso è stato presentato in piazza Dante ma la Provincia l'ha bocciato", dice Giulio Angelini mentre Maurizio Dal Bianco prosegue: "Siamo dalla parte giusta, siamo diversi. Mai come questo momento siamo contattati dalle persone per quanto viene proposto nel programma. La popolazione è chiamata a una scelta importante perché ci ritroveremo le stesse persone che volevamo mandare via in quanto ci stavano rovinando. C'è anche una possibilità di crescita per i nuovi attivisti perché dopo 2 mandati ci si rimette in gioco per aiutare i candidati. Turismo, energie rinnovabili e rivalutazione della formazione professionale, accessibilità e inclusività allo sport. Politiche per sostenere i neonati e gli anziani, supportare i disabili sono priorità".
 

Una sfida, ritenuta dai candidati, importante e significativa. "Metto a disposizione la mia storia, la mia capacità, la mia energia e la mia convinzione: la massima aspirazione in politica è risolvere i problemi della gente. Il Movimento ha realizzato molto in questi anni, si è lavorato tanto per rendere possibili quelle cose ritenute impossibili. Si è cercato di dare un impulso diverso al Paese. Innovazione e tecnologia sono le direttrici del Movimento, la dorsale per dare una speranza di futuro. E tutto viene fatto da gente normale, come Conte. Il premier ha ottenuto 40 miliardi in più sul Pnrr per la credibilità che è riuscito a trasmettere, una persona normale che si è messo a disposizione della comunità e ha avuto il coraggio di proporre dei temi di vero cambiamento. Non ricerchiamo il consenso fine a se stesso ma abbiamo fatto una scelta di campo: ci battiamo per i deboli e per i fragili, perché limitare le storture è un obbligo morale. Siamo pronti per affrontare i processi complessi dell'economia", conclude Rudi Tranquillini.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 30 settembre 2022
Telegiornale
30 set 2022 - ore 22:49
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
01 ottobre - 19:46
La manifestazione si è svolta in piazza Mazzini a sostegno delle donne iraniane, contro la morte della 22enne curda Mahsa Amini. [...]
Politica
01 ottobre - 18:45
Dopo il brutto risultato della Lega anche in Trentino, più che doppiata da Fratelli d'Italia, si sono aperte delle crepe nella maggioranza di [...]
Società
01 ottobre - 17:30
Si va dalle certezze, come il San Leonardo e si arriva alle novità ''a partire da Revì che si trova in compagnia con diverse cantine da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato