Contenuto sponsorizzato

"Chiediamo all'assessora Francesca Gerosa di sollevare immediatamente Vittorio Sgarbi dagli incarichi che ricopre". L'Arcigay del Trentino ne chiede il licenziamento

Il video, che sta spopolando sul web, nel quale Vittorio Sgarbi, presidente di Mart e Mag, "conversa" con due ragazzini a Riva del Garda, lasciandosi andare ad espressioni del tipo "Non siete finoc**i vero?" e "viva la fi.a" ha provocato la reazione prima del Pd e poi dell'Arcigay del Trentino: "Questa volta non possiamo e non vogliamo stare zitti"

Pubblicato il - 10 aprile 2024 - 19:41

TRENTO. "Questa volta non possiamo e non vogliamo stare zitti. Chiediamo all'assessora Francesca Gerosa di sollevare immediatamente Vittorio Sgarbi dagli incarichi che ricopre".

 

Il video, che sta spopolando sul web, nel quale Vittorio Sgarbi, presidente di Mart e Mag, "conversa" con due ragazzini a Riva del Garda, lasciandosi andare ad espressioni del tipo "Non siete finoc**i vero?" e "viva la fi.a" (QUI ARTICOLO), hanno suscitato la durissima reazione dell'Arcigay del Trentino che chiede alla vicepresidente e assessora provinciale Francesca Gerosa di licenziare subito il critico d'arte.

 

"Vittorio Sgarbi non è nuovo a esternazioni che poco hanno a che fare con il suo ruolo istituzionale - si legge nella nota ufficiale -. Ogni volta, però, non manca di farci inorridire. Fatichiamo a mettere in parole il disappunto che proviamo dopo aver ascoltato le frasi pronunciate a Riva del Garda davanti a due minorenni. Frasi che stanno inoltre avendo enorme visibilità sui social. È inconcepibile che esternazioni così discriminatorie e odiose siano state pronunciate da chi rappresenta due delle più importanti istituzioni culturali della nostra provincia, il Mart di Rovereto e il Mag di Riva del Garda. Espressioni cariche di sessismo e di omofobia, pronunciate davanti a due persone giovanissime, con la faciloneria che contraddistingue da troppo tempo Sgarbi. Chiediamo all’assessora Francesca Gerosa di sollevare immediatamente Vittorio Sgarbi dagli incarichi che ricopre. Non ci stupiamo delle illazioni del presidente Sgarbi, ma non possiamo fingere che nulla sia successo: questa volta non possiamo e non vogliamo stare zitti. Basta omofobia gratuita e sessismo istituzionalizzato, basta indottrinamento omofobo e sessista!".

 

I primi a prendere posizione sono stati i consiglieri provinciali del Pd Michela Calzà e Alessio Manica che hanno sottolineato come il linguaggio utilizzato dal presidente del Mart sia stato "diseducativo, fuorviante e omofobo. Durante la ripresa video, il professore, dopo aver posto una mano sulla spalla di uno di loro, chiede ai due adolescenti se, per caso, sono “finocchi”. Non pago di tanta scurrilità, il presidente del museo si esibisce in un inneggio alle parti intime femminili degno del più scadente lessico da osteria''.

 

In poco tempo il video ha ottenuto più di 350mila visualizzazioni e quasi 50mila like.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 maggio - 16:26
Sistemato in una cella singola, per due giorni resterà a Roma, mentre ad inizio settimana sarà trasferito in Veneto. In un primo momento si era [...]
Cronaca
18 maggio - 17:20
E' successo nelle scorse ore nel Bellunese, fortunatamente non ci sono state persone coinvolte. Sul posto è intervenuta la squadra dei vigili [...]
Politica
18 maggio - 15:56
Le consigliere e i consiglieri di maggioranza del Consiglio Comunale di Trento, sul tema della sicurezza in città, "respingono al mittente le [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato