Contenuto sponsorizzato

All'Università di Trento si può "adottare" uno studente. Ecco di cosa si tratta

L'obiettivo è quello di aiutare quattro studentesse e/o studenti che richiedono protezione internazionale

Pubblicato il - 28 aprile 2018 - 20:49

TRENTO. “Adotta uno studente” questa l'iniziativa promossa anche quest'anno dall'Università di Trento che punta ad aiutare quattro studentesse e/o studenti che richiedono protezione internazionale e hanno la possibilità di frequentare i corsi dell’Università di Trento gratuitamente.

 

Ovviamente per poter entrare in questo progetto servono dei requisiti. Ecco che una volta verificato il merito previsto per l’inserimento nel programma gli studenti avranno la possibilità anche di godere di vitto e alloggio messi a disposizione dall’Opera Universitaria in accordo con l’Università.

 

Ma tutto ciò ancora non basta. Grazie ad un piccolo aiuto, infatti, è possibile permettere ad un ragazzo o ad una ragazza di raggiungere un livello minimo di autosufficienza e riacquistare quella dignità che gli è stata rubata nel proprio paese di origine.

 

Obiettivo che l'Università si è fissata di raccolta fondi è di 5 mila euro. (QUI si possono trovare tutte le informazioni e le modalità di aiuto)

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato