Contenuto sponsorizzato

Alloggi universitari dati agli agenti di polizia, l'UDU: ''Scelta imposta da Fugatti, vuole fare propaganda a spese degli studenti''

La coordinatrice Paola Paccani: "Mette a nudo tutta la spregevolezza della giunta provinciale nei confronti degli studenti e delle studentesse fuorisede della nostra Università". Gli alloggi, spiega in una nota l'UDU, sono allo studentato Mayer a cui si accede in base al reddito. Sono alloggi già abitati da studenti con reddito basso che verranno spostati

Di G.Fin - 18 dicembre 2019 - 18:33

TRENTO. Nulla ovviamente contro l'arrivo in Trentino di nuovi giovani agenti di polizia ma la decisione da parte della Provincia di prendere 16 alloggi dati in gestione all'Opera Universitaria per ospitare le forze dell'ordine sta suscitando non poche polemiche.

 

Stiamo parlando di luoghi che per accedervi gli studenti devono presentare una specifica domanda di posto alloggio all’ente per il diritto allo studio della Provincia di Trento. Il primo anno i posti vengono assegnati sulla base del reddito e del patrimonio della tua famiglia. Dal secondo anno in poi vengono considerati anche criteri di merito, ovvero il rendimento negli studi.

 

"Questo è un segnale inquietante. Mette a nudo tutta la spregevolezza della giunta provinciale nei confronti degli studenti e delle studentesse fuorisede della nostra Università” ha affermato la neo coordinatrice dell'Unione degli Universitari, Paola Paccani. “Il diritto allo studio non si negozia – spiega - dobbiamo difendere il diritto di tutti e tutte ad accedere all'istruzione universitaria".

 

Gli alloggi, spiega in una nota l'Udu, sono allo studentato Mayer a cui si accede, come già detto, in base al reddito. Sono alloggi già abitati da studenti con reddito basso che verranno spostati per ospitare “figure istituzionali che un alloggio posso benissimo permetterselo" viene spiegato.

 

“La scelta fatta – spiega l'Unione degli Universitari - dimostra chiaramente quanto poco la Provincia Autonoma attualmente abbia a cuore il nostro diritto allo studio. Fugatti poteva affittare degli alloggi agli agenti della Polizia. Ma ha voluto togliere spazi agli studenti per risparmiare. Ha preferito farsi propaganda a spese degli altri, di quelli che pagano una tassa provinciale per il diritto allo studio. Ha imposto il suo volere con un ordine esecutivo, per scacciare ogni forma di dissenso, agendo con il solito sregolato approccio di comando, senza nemmeno cercare un dialogo”.

 

Gli studenti e le studentesse che vivono a Trento già devono affrontare affitti spropositati, carenza di posti alloggio e scarsa disponibilità di spazi studio. La soluzione dovrebbe essere investire, non tagliare fondi e risorse a chi è beneficiario della borsa per l'alloggio e già si trova in forte difficoltà.

 

“Non possiamo accettare – conclude l'Udu - che la Lega trasformi l'ente provinciale per il diritto allo studio in un giocattolo personale, utile per soffiare a piacimento su malcontento e insicurezza”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 19:06

Uno dei fattori limitanti di questa specie sono sostanzialmente le basse temperature invernali. Quest'anno però il clima è stato mite. Zanghellini: ''Negli ultimi anni l'aumento delle temperature ha anticipato il ciclo vitale di questo animale" 

18 febbraio - 15:17

E mentre la colonnina di mercurio è salita, un iceberg di 300 chilometri quadrati, paragonabile alle dimensioni di Malta, si è staccato dal ghiacciaio Pine Island. E mentre anche in Trentino si decide di investire milioni di euro su impianti anche sotto i 1.000 metri come a Bolbeno il noto climatologo spiega: ''La neve c'è oltre i 2 mila metri, mentre più in basso i paesaggi sono primaverili. Gli investimenti non dovrebbero più andare solo sullo sci''

18 febbraio - 17:27

A Trento alle 18 in piazza d'Arogno è stato organizzato un presidio promosso da Unione degli Universitari, Amnesty Trento e Arcigay del Trentino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato