Contenuto sponsorizzato

''Islamofobia: possiamo convivere con l'Islam?'' l'appuntamento promosso da UniTIN a Sociologia

Si terrà il 2 maggio  e i relatori saranno Paolo Branca, Domenico Tosini, Nibras Breigheche e Massimiliano Pilati. L'obiettivo è discutere sul rapporto tra l’Islam e il suo rapporto con l’Occidente

Pubblicato il - 30 aprile 2019 - 11:39

TRENTO. Capire l'Islam e il rapporto con l'Occidente, questo il tema al centro dell'incontro che si terrà il 2 maggio a Trento alle ore 16 in aula Kessler del dipartimento di Sociologia. Il titolo dell'incontro è “Islamofobia: possiamo convivere con l'Islam?” ed è promosso dalla rappresentanza studentesca di UniTIN.

 

Non siamo certo nuovi ai discorsi che prendono in considerazione l’Islam e il suo rapporto con l’Occidente, viene spiegato nell'invito all'incontro, e molti di questi, anche a causa degli avvenimenti degli ultimi anni, si stanno sempre di più inasprendo andando verso la via dell’intolleranza.

 

 

L'obiettivo dell'incontro è quello di indagare le origini e analizzare le conseguenze di una delle problematiche più o meno diffuse in questo momento storico e le cause che ci hanno portato ad essa.

I relatori dell'incontro saranno Paolo Branca, linguista e islamologo, docente di Lingua e letteratura araba presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; Domenico Tosini, docente di Sociologia presso l'Università degli Studi di Trento; Nibras Breigheche, arabista e islamologa, dottoranda in "Lingue, Letterature e Culture in Contatto" presso l'Università di Chieti - Pescara, docente di arabo presso la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Bologna.

Ci sarà anche l'intervento di Massimiliano Pilati, presidente del Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 16:02

A Roma si consuma la crisi di governo aperta dal leader della Lega e vice premier Matteo Salvini. Conte entra durissimo: "E' contraddittorio il comportamento di una forza politica, che presenta una mozione di sfiducia e non ritira i ministri. La cultura delle regole e il rispetto delle istituzioni non si improvvisano. Pericoloso e preoccupante chiedere pieni poteri e invocare le piazze"

20 agosto - 17:09

Dopo Giuseppe Conte e Matteo Salvini arriva l'intervento di Matteo Renzi. "Il vice premier non conosce il diritto e la costituzione dopo 26 anni pagato dai contribuenti per incarichi pubblici. E' andato al governo con il 17%, un governo che ha fallito anche per sua responsabilità"

20 agosto - 16:35

Dopo il discorso del presidente del consiglio la replica del ministro degli interni è stata fiacca e sentita più e più volte. Ancora una volta i riferimenti alla Madonna, alla fede e la citazione di Papa Giovanni Paolo II

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato