Contenuto sponsorizzato

Alto Adige, arriva l'indirizzo biomedico per la scuola superiore. Partirà con una prima classe del triennio del Liceo Carducci a Bolzano

"Si tratta di un grande investimento e di un risultato eccellente per la scuola in Alto Adige, molto importante per quegli studenti che intendono intraprendere una carriera medica. Uno degli scopi del programma biomedico è principalmente quello di fornire una preparazione adeguata a superare il temuto test di ingresso di medicina"

Pubblicato il - 02 ottobre 2020 - 15:42

BOLZANO.  Il percorso biomedico è una realtà formativa sempre più in crescita in tutta Italia: sono ormai 161 le scuole che sono state selezionate per avviare un percorso che garantisce agli studenti un concreto orientamento verso le professioni sanitarie, potenziando lo studio e l’apprendimento delle materie scientifiche.

 

Fra i 20mila studenti italiani che hanno scelto questo indirizzo vi sono, da quest’anno, anche quelli del liceo “Carducci” di Bolzano, che ha ottenuto nei giorni scorsi l’approvazione ministeriale ad unirsi al progetto, già attivo in una terza classe del liceo.

 

Si tratta di un grande investimento e di un risultato eccellente per la scuola in Alto Adige – dice l’assessore competente – il progetto formativo offre una base iniziale molto importante per quegli studenti che intendono intraprendere una carriera medica. Uno degli scopi del programma biomedico è principalmente quello di fornire una preparazione adeguata a sostenere e superare senza troppe difficoltà il temuto test di ingresso alla facoltà di medicina. Nel 2019 ben il 98% degli studenti che hanno terminato il percorso biomedico hanno superato il test e il 78% degli studenti che ha superato i test di medicina proveniva proprio da un liceo ad indirizzo biomedico”.

 

L’indirizzo biomedico si avvale della preziosa e prestigiosa collaborazione dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia. “Siamo contenti di ampliare l’offerta formativa per i nostri studenti – evidenzia il Sovrintendente Vincenzo Gullotta - il percorso, una novità assoluta in Alto Adige, ha infatti il fine di favorire l’acquisizione di competenze in campo biologico, grazie anche all'adozione di pratiche didattiche attente nei laboratori, e di orientare le studentesse e gli studenti che nutrono un particolare interesse per la prosecuzione degli studi in ambito chimico-biologico e sanitario”.

 

Il Liceo “Carducci” ha voluto ulteriormente integrare la dimensione umanistica con quella scientifica, strutturando un curricolo linguistico-scientifico fin dalla prima classe. Nel biennio durante le ore di Inglese, latino, greco (alternativamente) ci si avvarrà della compresenza del docente di Scienze per approfondire lo studio del linguaggio scientifico internazionale, dell’etimologia dei termini tecnici del linguaggio medico-scientifico e degli autori che, fin dall’antichità, si sono occupati di salute, biologia e medicina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 gennaio - 07:43

L'incidente era avvenuto circa due settimanr fa in campagna mentre stava lavorando. Ad un certo punto il macchinario si è rovesciato e lo ha travolto, trasportato in elicottero al santa chiara le sue condizioni si sono rivelate subito gravi 

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato