Contenuto sponsorizzato

Per 60 posti erano in 675 a tentare il test d'ingresso. La nascita della Facoltà di Medicina raccontata (dai protagonisti) al Rotary Club Trento

L’incontro è iniziato presso lo splendido Palazzo Consolati, neorinascimentale, ove è ubicata la Facoltà, con il professor Olivier Jousson e poi è proseguito con la relazione dell'ex rettore dell'Ateneo e tra i protagonisti principali di questo progetto, Paolo Collini

Pubblicato il - 31 maggio 2022 - 20:12

TRENTO. Formare nuovi medici coniugando le due importanti aree di innovazione scientifica: quella sociale derivante dalle “scienze della vita” e quella tecnologica proveniente dall’area delle “tecnologie informatiche”, “digitali” e della “microelettronica”. Questo lo scopo della nuova facoltà di Medicina e Chirurgia nata a Trento recentemente con il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico inter-ateneo dell’Università di Trento e dell’Università di Verona

 

Il 23 maggio scorso il Rotary Club di Trento, presieduto da Matteo Sartori, ha affrontato un tema particolarmente importante per la sanità trentina: la nuova scuola di medicina. L’incontro è iniziato presso lo splendido Palazzo Consolati, neorinascimentale, ove è ubicata la Facoltà, con il professor Olivier Jousson, direttore del centro interdipartimentale di Scienze Mediche e professore ordinario di Biologia Cellulare, Computazionale ed Integrata, detentore di un Curriculum Vitae di altissimo profilo, maturato sia in Italia che all’estero. Questo corso, ha spiegato Jousson, è stato istituito a Trento proprio al fine di formare nuovi medici in grado di coniugare le due importanti aree di innovazione scientifica, sociale e tecnologica, in campo medico.

 

Il corso, oltre al profilo medico tradizionale, ha quindi come obiettivo quello di formare medici con profili tecnologici innovativi, capaci di far fronte adeguatamente alla domanda di salute e di benessere della “popolazione contemporanea”. L’organizzazione didattica si presenta come un vero e proprio laboratorio di sperimentazione scientifica, orientato all’insegnamento ed all’ apprendimento basato sull’esperienza. Le competenze attualmente presenti presso l’Università di Trento e l’Università di Verona, consentono di formare medici con particolari conoscenze in merito a:

 

medicina di precisione e genomica

nano medicina

medicina ricostruttiva e rigenerativa

medicina digitale e l’intelligenza artificiale

modellistica e robotica

biomateriali e terapia cellulare

diagnostica e gestione del paziente a distanza

telemedicina e e-health

management e efficienza del sistema

promozione della salute

prevenzione e stili di vita

medicina di genere.

Futuro studente

Il corso

Cosa si studia

Iscriversi

Studente

Studiare e frequentare

Competenze informatiche

Lingue straniere

Regolamenti e manifesti

Contatti e referenti

Supporto Studenti Medicina

 

La serata è proseguita con la relazione dell'ex rettore dell'Ateneo e tra i protagonisti della nascita della scuola di Medicina, Paolo Collini, a tutti ben noto per la sua presenza in Trentino anche quale professore ordinario di Economia Aziendale prima e preside del dipartimento di Economia. Il via alla nuova scuola è arrivato il 25 novembre 2020, quindi in piena pandemia e il professor Collini ha ripercorso, non senza un più che giusto entusiasmo, le tappe principali che hanno portato a questa inaugurazione. All’apertura gli studenti erano 60, di cui 31 donne. Sul totale 36 erano residenti in Trentino, 5 in Alto Adige, 16 nel Veneto. Ma non sono mancate presenze dalla Lombardia, dalla Sicilia e dalla Sardegna.

 

Erano state 675 le iscrizioni per sostenere a Trento il test d’ingresso nazionale per l’ammissione ai 60 posti disponibili, destinati a diventare 180. Delle 675 candidature, 450 avevano indicato l’Università di Trento come sede di prima scelta dove studiare Medicina e Chirurgia. A tagliare il nastro di partenza vi era il Rettore dell’Università di Trento Paolo Collini con il Rettore dell’Università di Verona Pier Francesco Nocini, assieme al Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti. Dall’incontro è emersa la volontà della nostra Provincia di raggiungere anche in questo fondamentale ambito, le eccellenze che caratterizzano oramai l’intera nostra Università. In chiusura il Presidente del Rotary Trento, Matteo Sartori, nel ringraziare i relatori, si è dichiarato fiero, come trentino, del fatto che questa nuova Facoltà ci permetterà di convivere al massimo livello le conseguenti esperienze di ricerca, a beneficio di tutti.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 30 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
01 luglio - 20:29
Dal 2015 a marzo 2022 il Rifugio Bindesi è stato gestito da Fabio Bortolotti, Ilaria Valenti e Federico Weber. Al loro posto ora [...]
Politica
01 luglio - 20:02
Oggi la Civica di Mattia Gottardi e Vanessa Masè ha presentato l'entrata nel partito dell'ex presidente della Cooperazione, Marina Mattarei. Sul [...]
Cronaca
01 luglio - 18:28
L'allarme è scattato nel pomeriggio di oggi poco prima delle 16. Il giovane, dicono i vigili del fuoco di Riva del Garda intervenuti sul posto, si [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato