Contenuto sponsorizzato

Al Muse due giorni per la scuola. In arrivo insegnanti da tutta Italia

I docenti potranno provare in prima persona veri e propri laboratori. Saranno presentate 180 proposte suddivise per target scolastici

Pubblicato il - 17 settembre 2017 - 15:00

TRENTO. Il Muse si apre alla scuola, agli insegnanti e alla programmazione didattica con due giorni all'interno dei quali verranno presentati 180 differenti proposte formulate per i diversi target scolastici, dai bimbi del nido agli studenti delle scuole superiori, con l’obiettivo di incuriosire alla scienza, sensibilizzare alla natura e fornire gli strumenti utili all’apprendimento.

 

L'appuntamento è per domani e martedì e a differenza degli scorsi anni non ci saranno più conferenze e presentazioni frontali, infatti, ma veri e propri laboratori per la sperimentazione in prima persona. I docenti, su prenotazione, potranno partecipare a una dimostrazione delle attività dell’anno scolastico 2017/18 e vivere in prima persona laboratori, visite guidate e percorsi nelle sale: una preziosa occasione per mettersi in gioco e confrontarsi con gli operatori del museo. Saranno inoltre presenti corner tematici per presentare la panoramica completa delle proposte didattiche del MUSE, delle sedi territoriali e dei partner impegnati nella divulgazione scientifica.

 

La progettazione delle attività educative del MUSE si rivolge a tutte le scuole, sia trentine che provenienti dalle altre regioni, con uno studiato programma di laboratori, visite guidate, spettacoli di teatro scienza, escursioni e conferenze in grado di incrociare i programmi ministeriali e affiancare gli insegnanti nel loro lavoro quotidiano di educatori e formatori. Un plus formativo, un valore aggiunto che si basa sull’esperienza diretta degli studenti, chiamati a vivere la scienza, con le mani, la testa e anche il cuore.

 

Una particolare attenzione sarà riservata al settore infanzia, per il quale si sono studiate proposte e percorsi dedicate ai piccolissimi, per contribuire alla crescita e al benessere dei bambini, sperimentando attraverso i sensi, aprendosi a esperienze di stupore, scoperta e conoscenza.

 

“Le attività del museo sono studiate per andare incontro alle esigenze della scuola, in linea o a completamento dei piani di studio ministeriali – spiega il direttore Michele Lanzinger - agli insegnanti che scelgono il MUSE per le proprie classi vorremmo regalare degli spunti, dei motivi di approfondimento a completamento del loro lavoro; alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi la scintilla che accende la curiosità, la capacità di immaginare e stimola la voglia di scoprire”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 12:52

Il consigliere del Movimento 5 Stelle deposita un'interrogazione molto impattante costruita, spiega nello stesso testo, ''su fonti autorevolissime''. E poi chiede anche se la Pat abbia intenzione fare denuncia e avviare un'indagine dopo che è stata data conferma di quanto aveva scoperto il Dolomiti: che il lupo ripescato nell'Avisio aveva zampe e testa recisa

22 novembre - 15:30

La popolazione è quindi ancora invitata a ridurre gli spostamenti e, in ogni caso, a porre particolare attenzione alle condizioni dei luoghi percorsi. Eventuali situazioni di emergenza andranno comunicate al numero 112

22 novembre - 12:48
L'incidente è successo poco dopo le 9, quando Paternoster è stata investita da un veicolo. Secondo le prime informazioni, la ciclista stava pedalando in rotatoria e quindi è arrivata un'auto da via Fornace. Sul posto ambulanza e polizia locale Alto Garda e Ledro
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato